Contenuto sponsorizzato

Oro ai trentini Angelica e Giovanni Tarabelli ai campionati italiani di Judo: "Una stagione strepitosa dopo le medaglie a Europei e Mondiali"

Oggi, a Vittorio Veneto, le finali del Gran Prix Italia di Judo. "Perché facciamo ancora gare? Lo dico sempre: vogliamo dare l'esempio ai ragazzi, ai nostri atleti. Non è che se hai la cintura nera sei arrivato. Ci si deve sempre mettere in discussione"

Pubblicato il - 10 novembre 2019 - 18:57

VITTORIO VENETO. Oggi, a Vittorio Veneto, si sono disputate le finali del Gran Prix Italia di Judo. Angelica Tarabelli, campionessa trentina di Judo e Ju-jitsu, e il fratello Giovanni Tarabelli, anch'esso campione indiscusso di categoria, hanno conquistato il gradino più alto del podio.

 

I fratelli Tarabelli si sono qualificati alla fase finale della competizione dopo le selezioni svoltesi in varie città italiane. In concomitanza, si è svolta la finale italiana di Juno Kata dove Angelica e Giovani Tarabelli, essendo parte della nazionale italiana e avendo raggiunto anche ottimi risultati in campo internazionale, hanno conquistato un altro oro.

 

 

Un anno ricco di successi per gli atleti trentini. A gennaio un argento al Trofeo Internazionale della città di Giaveno; a febbraio a Bruxelles - per la quarta volta consecutiva - oro nel Trofeo Europeo EJU Kata Tournament Marcel Clouse; ad aprile a Pordenone oro al Trofeo Villanova; un altro oro a maggio a Reggio Emilia nel Grand Prix; i primi di giugno a Catania oro nel Juno e bronzo nell'Itsutsu. Poi a Las Palmas argento al Campionato Europeo, bissato il giorno seguente all'Open Europeo. Poi i mondiali in Corea a settembre dove hanno raggiunto un bronzo.

 

Oggi l'ennesima vittoria che li consacra campioni italiani assoluti di categoria. 

 

"Questo è un ottimo risultato - commenta Angelica Tarabelli - perché conclude una stagione strepitosa. Siamo veramente contenti. Avevamo tre medaglie al collo perché, il 29 settembre, a Siziano (Piemonte) si è svolta la Coppa Italia a cui non abbiamo potuto partecipare perché eravamo impegnati con i ragazzi a Crotone al trofeo Coni ma, dato che si concludeva il tour senior di Kata, grazie al punteggio ottenuto durante l'anno, ci siamo classificati secondi, quindi oggi ci hanno portato anche quella medaglia".

 

"E' davvero fantastico - continua Tarabelli -. Siamo molto orgogliosi. Anche perché, tra il successo del libro (QUI ARTICOLO) e il successo agonistico, direi che mi posso ritenere molto soddisfatta".

 

Angelica Tarabelli, infatti, ha da poco pubblicato il libro "Metodo globale di autodifesa femminile - M.g.a donna" (edito da Luni Editrice), un testo che offre un semplice ma efficace sistema di difesa basato sui principi classici delle arti marziali orientali. Un libro per i tecnici del settore, che potranno usarlo come base di pianificazione dei loro corsi. Ma un libro anche per tutte le donne e gli uomini che troveranno, tra queste pagine, spunti per l'indispensabile presa di coscienza "che la donna non deve né può vivere il suo ruolo di compagna, madre, cittadina in modo passivo e da vittima predestinata". A fine novembre ci sarà la presentazione ufficiale del volume al Coni a Roma.

 

"Perché facciamo Kata alla nostra età? Ormai siamo già cinture nere, quarto e quinto Dan, perché facciamo ancora gare? Lo dico sempre: vogliamo dare l'esempio ai ragazzi, ai nostri atleti. Non è che se hai la cintura nera sei arrivato. Ci si deve sempre mettere in discussione, provare ad arrivare sempre un po' più in alto, darsi degli obiettivi e cercare di raggiungerli, superarli e di fare sempre meglio".

 

Il fratello, Giovanni, accompagna Angelica in ogni sua sfida. "Ringrazio mio fratello - continua - che mi segue in questo percorso perché siamo veramente una famiglia molto unita e questo, secondo me, fa la differenza. Come nel ballo dove ci sono coppie di fratelli che raggiungono risultati fantastici. Noi come fratelli portiamo avanti anche questa parte del Judo che non è un Judo agonistico di combattimento ma è un Judo di dimostrazione della perfezione del gesto tecnico: il Kata".

 

 

I prossimi impegni? A gennaio, con il Trofeo di Giaveno, comincerà di nuovo tutto il circuito. A giugno ci sarà l'Europeo, a Varsavia. "Il mondiale invece sarà probabilmente a Cracovia ad ottobre". Nel prossimo futuro, però, c'è l'appuntamento del 23 e 24 novembre a Roma per il raduno della nazionale mentre il 25 Angelica Tarabelli presenterà il suo libro al Coni, alla presenza del presidente Malagò.

 

Soddisfazione anche per Elisabetta Groff, una cadetta, che sempre a Vittorio Veneto ha conquistato il bronzo. "Una ragazza - spiega Tarabelli - che, pur arrivando da una situazione familiare non semplice, è riuscita a riscattarsi con il Judo".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato