Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, dai voucher per le famiglie alla convocazione di un tavolo per lo sport. Uisp, Csi e Us Acli scrivono a Failoni

Csi del Trentino, Uisp e Us Acli hanno scritto all'assessore allo Sport Roberto Failoni avanzando 6 proposte concrete per far ripartire il mondo delle attività sportive in Trentino. L'idea è che si possa ripartire in sicurezza, cercando al tempo stesso di evitare il rischio di contagio e di promuovere uno stile di vita sano a tutte le età contrastando la sedentarietà

Pubblicato il - 04 maggio 2020 - 18:07

TRENTO. Tra gli aspetti più colpiti dall'emergenza Covid, o meglio dalle nuove norme di prevenzione del rischio di contagio, c'è sicuramente l'ambito sportivo. A cercare di trovare una soluzione che possa coniugare la possibilità di riprendere in sicurezza le attività sportive e promuovere sani stili di vita e contrasto della sedentarietà ci hanno pensato le associazioni di promozione sportiva Csi, Uisp e Us Acli, che tramite i loro presidenti hanno scritto alla Provincia di Trento avanzando proposte pratiche.

 

Tra queste, nel documento titolato “Lo sport è di tutti, lo sport è per tutti” ed inviato all'assessore con delega allo sport Roberto Failoni, Gaia Tozzo (presidente di Csi del Trentino), Tommaso Iori (presidente di Uisp del Trentino) e Joseph Valer (presidente di Us Acli del Trentino) partono innanzitutto dalla richiesta di convocare al più presto una conferenza provinciale per lo sport in cui discutere dei vari punti nodali sulla ripresa in sicurezza delle attività sportive.

 

“Ovviamente a distanza”, la conferenza provinciale richiesta permetterebbe di “riflettere insieme a tutte le realtà attive sul territorio sulla situazione dello sport in Trentino, sul ruolo dei soggetti dell'ordinamento sportivo, sulle fasi e le regole del percorso di ripartenza delle attività”. Inoltre, continuano gli autori di questa proposta (consultabile nella sua forma intera nel documento allegato qui sotto) “si chiede l'attivazione del Tavolo dello sport, con lo scopo di condividere ed emanare regole chiare – da parte di Provincia e Comuni – che mettano le associazioni e le società sportive nelle condizioni di poter organizzare le proprie attività, nel pieno rispetto di leggi e ordinanze, ma senza che i propri dirigenti debbano assumersi responsabilità interpretative”.

 

Al secondo punto, invece, la richiesta degli enti di promozione sportiva riguarda i contributi provinciali relativi all'anno 2018/2019 e destinati alle federazioni sportive, alle discipline sportive associate e agli enti, per cui si chiede, visto che risultano “fondamentali per quelle realtà che contano esclusivamente sull'autofinanziamento e su contributi pubblici”, che “vengano erogati per l'intero importo deliberato, senza procedere a tagli e decurtazioni se non di fronte a evidenti scorrettezze formali”.

 

Si chiede inoltre – aggiungono – che per i contributi 2019/2020, la cui richiesta andrebbe fatta dal primo maggio al 30 giugno 2021 e la relativa liquidazione verosimilmente avverrebbe non prima di settembre 2021, venga anticipata la procedura a settembre 2020, con iter rapido e semplificato e altrettanta rapida erogazione delle risorse, lasciando la procedura di rendicontazione all'anno prossimo, a bilanci associativi approvati nei termini previsti”.

 

La terza proposta afferisce al contributo provinciale a sostegno dell'attività dilettantistica giovanile, per cui “si chiede di anticipare la fase di presentazione delle domande dall'1 settembre 2020, con riferimento alla chiusura del tesseramento dell'anno sportivo 2019/2020, con rapida erogazione del contributo”.

 

Riguardo alle risorse stanziate precedentemente per contribuire all'organizzazione di manifestazioni sportive (“che non saranno assegnate”), la richiesta si indirizza verso una soluzione che le mantenga all'interno delle stesse realtà sportive, potendo così essere investite in progetti di interesse collettivo come la promozione della salute attraverso l'attività motoria e progetti con obiettivi specifici legati al contrasto della sedentarietà, per tutte le età.

 

La quinta richiesta riguarda la possibilità di creare dei voucher dedicati appositamente alle famiglie “per l'accesso alle attività sportive organizzate dalle associazioni e dalle società sportive riconosciute dal Coni”. Voucher che in particolare andrebbero a sostenere le famiglie con figli dall'età compresa tra gli 0 e i 18 anni. “Inoltre viene chiesto – continuano – che la platea dei beneficiari venga ampliata anche ai nuclei famigliari aventi diritto alla quota B1 già a partire dal primo figlio, ed eliminati i requisiti dei 10 anni di residenza in Italia e 3 in Trentino”.

 

Come ultimo punto delle richieste avanzate da Csi, Uisp e Us Acli, infine, si chiedono “interventi per la messa in sicurezza e la sanificazione delle strutture dedicate all'attività sportiva, vale a dire poter accedere alle stesse misure di sostegno che sono state e saranno messe in campo per le attività economiche”.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 18:18

Il totale sul territorio resta così a 5.503 casi e 470 morti da inizio epidemia coronavirus. Ci sono complessivamente 2.678 casi e 292 decessi da inizio emergenza in Alto Adige

16 luglio - 16:31

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha denunciato in un acceso post su facebook una situazione preoccupante: i focolai di Coronavirus, infatti, sarebbero per lo più dovuti a situazioni incontrollate di arrivi dall'estero. 29 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore. "Quali test si fanno ai migranti che arrivano dal Nordafrica? La solidarietà è inviolabile e sacra, ma la salute pubblica di più"

16 luglio - 15:00

E' successo poco prima di mezzanotte, sul posto  una volante della squadra mobile e la polizia locale. Due denunce 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato