Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, stretta sullo sport in Lombardia e saltano tre partite in Trentino. La Figc trentina richiama le società a seguire le regole: ''Dovrebbe essere superfluo rispettare le norme''

Nell'ultimo comunicato c'è un richiamo alla responsabilità, in particolare per quanto riguarda i servizi di somministrazione di alimenti e bevande in impianti sportivi. Sono stati segnalati contesti dove le mascherine non vengono indossate e non si osserva il distanziamento e l’igienizzazione delle mani. "Nella situazione che viviamo dovrebbe essere superfluo richiamare ai loro doveri i responsabili delle associazioni sportive"

Di Luca Andreazza - 17 ottobre 2020 - 13:22

TRENTO. In queste ore la Lombardia ha deciso per un provvedimento con misure più stringenti rispetto all'ultimo Dpcm. Dopo l'ulteriore aumento dei contagi a livello nazionale, il governo sembra intenzionato a intervenire con un altro provvedimento per cercare di fronteggiare la recrudescenza dell'epidemia Covid-19. Il governatore della Regione Attilio Fontana ha firmato un'ordinanza che prevede strette per quanto riguarda locali, sport, Rsa e scuole.

 

Viene incoraggiata la didattica a distanza alternata alla regolare attività in presenza (i laboratori sono esclusi) per le scuole secondarie di secondo grado e le scuole professionali. Una raccomandazione per ricorrere alla Dad è stata inoltrata alle università. L'intenzione naturalmente è quella di evitare contagi, ma anche togliere n po' di pressione ai mezzi di trasporto pubblici e evitare assembramenti anche momentanei di persone.

 

E' stato confermato il divieto d'ingresso, da parte di visitatori, nelle Rsa e case di riposo da parte di familiari, caregiver e conoscenti, salvo situazioni estreme e con autorizzazione del responsabile medico. In queste casi deve essere comunque rilevata la temperatura all'ingresso e si devono adottare tutte le misure per evitare un'eventuale diffusione del coronavirus (Qui articolo).

 

Viene inoltre sospesa l'attività sportiva (gare, allenamenti e competizioni) degli sport di contatto a livello regionale o locale, compreso quello agonistico e di base, da parte di associazioni e società dilettantistiche. Questa decisione ha effetti anche in Trentino, sono tre le società con sede in Lombardia che partecipano ai nostri campionati: Alto Garda, Bagolino e Caffarese.

 

La Federcalcio trentina non ha potuto far altro che disporre il rinvio di Alto Garda-Civezzano di Prima categoria, Caffarese-Leno e Virtus Rovere-Bagolino di Seconda categoria. Il dispositivo della Regione Lombardia è valido fino a venerdì 6 novembre. Sono saltate altre gare per positività, casi sospetti e attesa degli accertamenti. I campionati trentini comunque proseguono l'attività e viene garantito il proseguo della stagione (Qui articolo). Alcune partite si tengono a "porte chiuse", mentre per le altre è prevista anche la presenza del pubblico secondo l'ordinanza provinciale.

 

Nell'ultimo comunicato della Federazione c'è però un richiamo alla responsabilità, in particolare per quanto riguarda i servizi di somministrazione di alimenti e bevande in impianti sportivi. Sono stati segnalati contesti dove le mascherine non vengono indossate e non si osserva il distanziamento e l’igienizzazione delle mani. "Nella situazione che viviamo - commenta la Figc - dovrebbe essere superfluo richiamare ai loro doveri i responsabili delle associazioni sportive. Le conseguenze di comportamenti trasgressivi alle norme sopra richiamate potrebbero portare a provvedimenti disciplinari di varia natura".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato