Contenuto sponsorizzato

Dpcm Conte, il calcio trentino va avanti: ''Ma esordienti, pulcini e piccoli amici possono allenarsi solo in forma individuale''

L'ordinanza della Regione Lombardia ha portato a rinviare le gare di Alto Garda, Bagolino e Caffarese, la Federcalcio trentina cerca una mediazione. Approfondimenti con i Comitati del Nord Italia per seguire linee guida omogenee 

Di Luca Andreazza - 19 ottobre 2020 - 16:19

TRENTO. Stop alle attività di base, quindi si fermano Esordienti, Pulcini e Piccoli amici. Il resto prosegue senza o quasi tentennamenti. Questo l'effetto dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte (Qui articolo) sul calcio trentino. "Il Comitato - dice Ettore Pellizzari, presidente della Federazione - ha rango regionale affiliato a Coni e Cio, quindi si seguono le regole nazionali e internazionali. I campionati sono ancora garantiti e si va avanti nel massimo rispetto dei protocolli. Nel settore giovanile gli allenamenti sono consentiti ma solo in forma individuale per quelle categorie interessate dal provvedimento".

 

I Mercatini di Natale di Trento sono a fortissimo rischio (Qui articolo), così come fiere e sagre bloccate (Qui articolo). E' una fase delicata dell'emergenza Covid-19 con una recrudescenza dell'epidemia che comporta nuove restrizioni per cercare di evitare un nuovo lockdown generalizzato. Un aumento dei contagi che ha portato il governo a firmare due decreti in pochi giorni per fronteggiare una situazione in continua evoluzione.

 

"Siamo in contatto con la Provincia e con Cosimo Sibilia, presidente della Lega nazionale dilettanti, in modo costante. E' prevista una teleconferenza dell'area Nord - aggiunge il numero uno della Federcalcio - per definire e seguire linee guida il più possibile convergenti e omogenee. In questo momento tutti i campionati sono confermati, salvo naturalmente decisioni di rinviare le partite che vengono prese con la massima flessibilità a seguito di confronti quotidiani con le società".

 

Sono salve Eccellenza Promozione, Prima e Seconda categoria, così come amatori, settore femminile e calcio a 5. "In quest'ultimo caso - prosegue Pellizzari - le palestre sono aperte e quindi c'è la possibilità di proseguire la stagione. E' in previsione un confronto con il Comitato altoatesino per chiarire alcune situazioni: ci sono in particolare alcune differenze nei protocolli che vengono applicati dall'Azienda sanitaria di Trento e quella di Bolzano. Il riferimento è il ricorso alle quarantene che vengono gestite in maniera differente. L'intenzione è quella di trovare una sintesi per evitare criticità particolari se si gioca in Trentino o in Alto Adige".

 

Nelle ultime ore il presidente Attilio Fontana ha deciso di sospendere gli sport di contatto a livello regionale o locale, compreso quello agonistico e di base, da parte di associazioni e società dilettantistiche. Una scelta che ha effetti anche in Trentino, sono tre le società con sedi in Lombardia che partecipano ai nostri campionati: Alto GardaBagolino Caffarese. Le gare in programma nell'ultimo week end sono state rinviate ma sono in corso approfondimenti (Qui articolo). 

 

"Le ragioni di quell'ordinanza sono comprensibili - conclude Pellizzari - però è in agenda un consiglio direttivo con la Lombardia e Roma. I giocatori lombardi tesserati in Trentino possono spostarsi per partite e allenamenti, mentre le società sono bloccate. Una situazione evidentemente un po' paradossale. Sono associazioni sportive che storicamente sono legate alla nostra provincia e quindi potrebbero essere svincolate dagli obblighi del provvedimento. Si potrebbero prevedere le inversioni di campo per riuscire a restare più aderenti possibile alle norme. Il campionato di Seconda categoria è comunque breve, quindi ci sono ancora molti margini di manovra per sistemare il calendario e operare le scelte più corrette".

 

Non cambia nulla per quanto riguarda l'accesso del pubblico agli impianti. Restano valide le disposizioni già delineate nella scorsa settimana (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

30 novembre - 19:11

In Trentino c'è l'associazione Ama che grazie ai gruppi di auto mutuo aiuto è un sostegno fondamentale per tante famiglie. Qui la testimonianza di una famiglia letta per Ama da Giacomo Anderle

01 dicembre - 08:48

L'incendio a Levico è avvenuto nella zona di Quaere. Sulle cause sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine e non si esclude il dolo. Oltre cento vigili del fuoco sono stati impegnati, invece, per spegnere le fiamme che hanno avvolto un altro fienile a Curon 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato