Contenuto sponsorizzato

Il calcio dilettantistico vuole ripartire. Pellizzari: ''Entro dieci giorni auspichiamo la ripresa degli allenamenti di contatto in tutte le categorie". A marzo via ai campionati?

Il neo vicepresidente vicario della Lega Nazionale Dilettanti si è nuovamente confrontato con l'assessore Failoni. Oggi nella Conferenza tra Stato e Regioni si parlerà anche di questo. L'obiettivo è far ripartire i campionati - almeno quelli regionali - già nel mese di marzo

Ettore Pellizzari, il secondo da sinistra, vicepresidente vicario della Lnd, assieme al Presidente Cosimo Sibilia e ai vicepresidenti delle Aree Nord, Centro e Sud
Di Daniele Loss - 11 febbraio 2021 - 13:32

TRENTO. L'obiettivo è chiaro: entro una settimana, massimo dieci giorni, permettere alle società di far svolgere gli allenamenti di contatto. E, a quel punto, programmare la ripresa dei campionati - almeno quelli a carattere regionale - già nel mese di marzo.

 

Nella Conferenza Stato - Regioni in programma quest'oggi si parlerà di tanti argomenti, ovviamente, tra i quali anche la ripartenza dello sport - nella fattispecie il calcio - a livello dilettantistico. Almeno per quanto concerne i tornei regionali, ovvero quelli strettamente connessi all'attività nazionale organizzata dalla Lega nazional dilettanti. Nello specifico: i campionati d'Eccellenza, di serie C1 di calcio a 5 maschile e femminile e di serie C femminile. Per i quali la Lnd ha chiesto alla Figc la "promozione" a tornei" d'interese nazionale".

 

"Passaggio questo - conferma il vice presidente vicario della Lnd Ettore Pellizzari - di fondamentale importanza ma rispetto al quale credo non vi saranno problemi. Poi vi saranno da considerare tutti i punti della nostra richiesta, con riferimento ai contributi per l'effettuazione dei tamponi e altro, ma la "base" per pensare alla ripartenza dei tornei regionali è certamente questa. Così da poter permettere alle società di tutte le regioni italiane, indipendentemente dal "colore" della zona, di allenarsi e giocare le gare ufficiali".

 

A chi dice che le priorità, in questo momento, sono ben altre cosa si sente di rispondere?
Noi abbiamo l'obbligo e la missione di promuovere il gioco del calcio a livello dilettantistico. La funzione della Lega nazionale dilettanti è questa e, come ho già detto, se non giochiamo e non possiamo scendere in campo, non abbiamo ragione d'esistere. Il calcio, ai nostri livelli, ha un'incredibile funzione sociale e aggregativa e, dunque, il nostro obiettivo deve essere quello di far ripartire l'attività. Senza tenere conto che i tornei regionali di vertice sono strettamente connessi all'attività nazionale, non solamente quella dilettantistica.

 

La ripartenza degli allenamenti di contatto è fondamentale per pensare ad una ripresa dei tornei.

Assolutamente sì. Nelle scorse settimane, da Presidente del Cpa di Trento (carica dalla quale Pellizzari si è dimesso sabato in quanto eletto alla vicepresidenza della Lega nazionale dilettanti, ndr), avevo interrogato Provincia e Apss chiedendo se fosse possibile ripartire con l'attività normale d'allenamento. Adesso ho ribadito il quesito da vicepresdente vicario della Lnd e mi è stato assicurato che tale argomento sarebbe stato trattato nel corso della Conferenza Stato - Regioni di oggi. Spero che, nel giro di una decina di giorni al massimo, le società possano riprendersi ad allenarsi in maniera normale. Ovviamente rispettando alla lettera il protocollo, cosa che le realtà dilettantistiche hanno già dimostrato di fare, mostrando un grandissimo senso di responsabilità.

 

Per i campionati provinciali, invece, non vi sono certezze.

Per i tornei a carattere provinciale bisognerà considerare le diverse situazioni legate ai territorio e ogni decisione spetterà ai Comitati Regionali o Provinciali Autonomi. Che, nel momento in cui vi fossero le condizioni per ripartire, dovranno chiedere la deroga alla Figc per modificare la struttura dei tornei. L'obiettivo è quello di far ripartire tutte le manifestazioni, campionati giovanili ovviamente compresi. Anzi, la speranza è che soprattutto i nostri ragazzi possano tornare presto in campo, perché fare sport è un'esigenza e non un capriccio.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 novembre - 20:00
Trovati 111 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 33 guarigioni. Sono 50 i pazienti in ospedale. Sono 835.235 le dosi di [...]
Cronaca
28 novembre - 18:26
Il presidente di Patrimonio del Trentino Spa, Andrea Villotti, avrebbe preso in consegna una Porsche Macan da 90mila euro sequestrata [...]
Cronaca
28 novembre - 18:20
Sono diversi gli interventi messi in campo dai vigili del fuoco dell'Alto Adige a causa della neve. L'appello ai guidatori è quello di fare [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato