Contenuto sponsorizzato

NextGen Cup, tutto facile contro Fortitudo e Brindisi. Aquila Basket chiude al primo posto nel girone

La Dolomiti Energia under 18 si qualifica alle finali di Pesaro da giovedì 13 a domenica 16 febbraio per cercare di confermare il titolo di campioni d'Italia. Alla Virtus Segafredo Arena di Bologna i giovani bianconeri si sbarazzano di Fortitudo e Brindisi, dopo il successo all'esordio contro Treviso

Pubblicato il - 03 gennaio 2020 - 21:01

TRENTO. Larghissime vittorie per la Dolomiti Energia under 18 che chiude in testa il girone di NextGen Cup e si qualifica alle finali di Pesaro da giovedì 13 a domenica 16 febbraio per cercare di confermare il titolo di campioni d'Italia. Alla Virtus Segafredo Arena di Bologna i giovani bianconeri si sbarazzano di Fortitudo e Brindisi, dopo il successo all'esordio contro Treviso.

 

Nella gara mattutina di oggi, venerdì 3 gennaio, la Fortitudo viene travolta 72-40 dall'Aquila Basket, che dopo essere stati sotto 8-12 nel cuore del primo quarto piazzano una clamorosa accelerazione per il 43-14 verso la fine del secondo quarto. Un maxi-parziale che stende gli emiliani e che permette a coach Marco Albanesi di allungare le rotazioni e far risparmiare ai suoi ragazzi un po' di energie in vista dell'ultimo match della prima fase in programma in serata contro Brindisi. 

 

Doppia-doppia da 13 punti e 14 rimbalzi per un ottimo Max Ladurner, 15 con cinque assist per un  ispirato Matteo Picarelli: in doppia cifra anche il "solito" Alessandro Voltolini da 14 punti e cinque rimbalzi. 

 
Anche in serata vittoria agevole per i bianconeri, che giocano 40' di concentrazione e ordine per superare senza sforzo Brindisi 86-52. In doppia cifra a referto Max Ladurner (altra doppia-doppia da 18 punti e 11 rimbalzi) e la coppia di esterni Alessandro Voltolini (16 punti) e Matteo Picarelli (12 con 4 su 8 da tre). 

 

LA CASSA FORTITUDO BOLOGNA-DOLOMITI ENERGIA 40-72

(19-12, 45-20; 60-26)

Dolomiti Energia Trentino: Formenti, Zancanaro 4 (2/4), Picarelli 15 (4/9 da tre), Jovanovic 6 (3/3, 0/2), Dieng, Voltolini 14 (5/10, 1/3), Boglio 8 (1/3, 2/6), Guerrieri 6 (3/4), Beghini 4 (2/2, 0/1), Gaye 2 (1/1, 0/2), Ladurner 13 (5/13, 1/2), Traore (0/2). Coach Albanesi, ass Ress e Bianchi. 

La Cassa Fortitudo Bologna: Battilani 8, Zanetti 7, Micheletto 4, Franco 9, Longagnani, Prunotto, Tornimbeni 4, Marini, Giacomi 2, Simon 2, Segala 1, Ghigo 3. 

 

DOLOMITI ENERGIA-HAPPY CASA BRINDISI 86-52
(20-18, 42-31; 62-40)

Dolomiti Energia Trentino: Zancanaro 2 (1/4, 0/1), Picarelli 14 (1/2, 4/8), Rossi 2 (0/1), Jovanovic 9 (2/4, 1/3), Dieng 4 (2/3, 0/1), Voltolini 16 (8/11, 0/2), Boglio 2 (0/2, 1/2), Beghini 8 (3/4, 0/2), Borgogno, Gaye 6 (3/4), Ladurner 18 (9/13), Traore 4 (2/4). Coach Albanesi, ass Ress e Bianchi. 

Happy Casa Brindisi: Rutigliano, Guido 9, Bogliardi 8, Torrigiani 8, Danese ne, Gajic 14, Pezzolla, Manfredi, Lucchetta, Pellecchia 2, Marzo 7, Scivales 4. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 10:59

Numeri del contagio in aumento in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore i nuovi positivi sono 175, a fronte di un indice contagi/tamponi salito all'8,64%. Due i decessi, che portano il bilancio da inizio pandemia a 811, 517 solamente da settembre. Crescono ricoveri e terapie intensive

18 gennaio - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

18 gennaio - 08:34

Con Renzi non viene solo espulsa la componente più avanzata del riformismo di sinistra ma si sancisce l’asse strutturale tra Pd e 5stelle il cui unico vero avversario era appunto Matteo Renzi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato