Contenuto sponsorizzato

Insulto razzista e daspo per 5 anni per il mister del Sedico ma lui non molla: ''Allenerò durante la settimana e intanto faccio ricorso''

L'allenatore dell'Union San Giorgio Sedico era stato espulso per un insulto nei confronti dell'attaccante del Trento Aliu. Dopo i 4 mesi di squalifica (poi ridotti a 2) comminatigli dalla Giustizia Sportiva, la Questura di Trento gli ha notificato un Daspo di 5 anni da tutti campi del calcio dilettantistico

Di Redazione Sportiva - 01 marzo 2021 - 18:16

SEDICO. Domenica non ha seguito la squadra a Sant'Ambrogio di Valpolicella e ha assistito al successo dei suoi contro l'Ambrosiana dal divano di casa, guardando la diretta streaming su facebook.

 

La vittoria in rimonta dell'Union San Giorgio Sedico ha parzialmente restituito il sorriso all'allenatore chioggiotto Luca Tiozzo, al quale nei giorni scorsi la Questura di Trento ha notificato un Daspo di 5 anni. Nella sfida dello scorso 16 dicembre 2020 contro il Trento il tecnico della squadra bellunese era stato espulso per un insulto “implicante discriminazioni per motivi di nazionalità” (albanese di m....)  rivolto al giocatore gialloblù Grasjan Aliu che, tra l'altro, nella precedente stagione era stato allenato dallo stesso Tiozzo all'Adriese.

 

Adesso Tiozzo potrà guidare le sedute d'allenamento del Sedico (il provvedimento parla di "divieto di accesso agli impianti dove si disputano manifestazioni a carattere dilettantistico", senza alcun riferimento al lavoro settimanale sul campo), ma la domenica non potrà nemmeno accomodarsi in tribuna. 

 

"Sono triste - confida l'allenatore originario di Chioggia - ma non voglio e non posso parlare della questione legata al Daspo. Di quella di stanno occupando i miei legali, che produrranno un ricorso. Mai avrei pensato che mi sarei trovato in questa situazione, questo lo posso dire, ma non voglio aggiungere altro, ribandendo che ho il massimo rispetto e totale fiducia nella giustizia. Ho sbagliato a pronunciare quella frase, e questo l'ho detto più volte, mi sono scusato e assunto tutte le responsabilità.

 

Continuerà ad allenare l'Union San Giorgio Sedico alla luce di questo provvedimento?

Il mio percorso in panchina proseguirà e sarà condizionato esclusivamente dai risultati, come del resto accade a tutti gli allenatori. Con la società c'è stato un confronto durante il quale è stata ribadita fiducia e apprezzamento per il lavoro svolto e non si è parlato assolutamente di un'eventuale interruzione del rapporto. Come, del resto, dopo la squalifica sportiva. Per me sarà uno stimolo ulteriore a preparare ancora meglio la squadra durante la settimana in vista della partita della domenica successiva e farà parte del mio bagaglio d'allenatore che mi porterò dietro in futuro.

 

Domenica ha dovuto assistere alla partita da "remoto": la sua squadra ha vinto a Sant'Ambrogio una partita importantissima a fini della salvezza

I ragazzi sono stati bravissimi e mi hanno strappato un sorriso. I tre punti conquistati sono molto importanti, senza dubbio.

 

Lei è un allenatore professionista. Questo provvedimento potrebbe mettere a rischio la sua carriera?

Non credo. Ho ricevuto tanti messaggi e attestati di stima da parte di presidenti, direttori sportivi e colleghi allenatori che mi fanno pensare di no.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 aprile - 19:45
Trovati 104 positivi, comunicati 4 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 104 guarigioni. Sono 1.251 i casi attivi sul territorio [...]
Politica
22 aprile - 21:20
Il "vecchio" progetto ha già concluso buona parte dell'iter da parte degli uffici. Il nuovo piano è invece ancora tutto da scoprire. L'ex [...]
Politica
22 aprile - 19:38
Il Comitato scuola in Presenza prende posizione e commenta la decisione in consiglio provinciale della maggioranza che ha bocciato una [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato