Contenuto sponsorizzato

L'Aquila schiaccia Capo d'Orlando 85-76

Basket. Terza vittoria consecutiva per i bianconeri che offrono una prova corale, concentrata e attenta. Craft dispensa assist, mentre il resto del roster concretizza una partita sempre condotta dalla Dolomiti Energia

Jefferson al ferro (foto Luisella Savorelli)
Di Luca Andreazza - 23 ottobre 2016 - 20:39

TRENTO. La Dolomiti Energia infila la terza e supera Capo d'Orlando sul parquet del PalaTrento per 85-76. Non bastano Delas e Perl ai siciliani, il gioco corale della formazione di coach Buscaglia e i punti distribuiti a tutto il roster da parte di Craft (7 assist) issano gli aquilotti a 6 punti in questo positivo inizio di campionato.

 

Prova compatta e attenta dell'Aquila Basket capace di far tesoro dei punti dei propri top scorer Jefferson e Flaccadori (14), Hougue e Baldi Rossi (11) uniti a Craft e Lighty (10 punti).

 

Nel primo quarto Archie e Perl spinge gli ospiti sul 5-2. La premiata ditta Lighty - Jefferson impatta però subito sul 9-9. Prima Flaccadori dall'arco spinge l'Aquila Basket sul 17-13, poi Jefferson schiaccia Capo d'Orlando sul 22-15. Houge allunga tre, quindi Diener risponde a Forray per il 31-25.

 

Il secondo parziale è equilibrato e la prima parte è di colore Capo d'Orlando: Perl riposta a contatto i siciliani sul 36-34. Jefferson rimette la formazione di Gennaro Di Carlo a distanza 38-34. Nel finale Houge e Craft rispondono a tono a Diener per fissare il punteggio sul 45-39 al riposo lungo.

 

Nel terzo quarto Lighty e Dallas portano il tabellone al 46-41 in favore bianconero, prima che Jefferson spinga la truppa di Buscaglia al +10 (53-43). Diener e Houge chiamano (57-48), ma Baldi Rossi spinge la Dolomiti Energia sul 61-53.

 

Anche l'ultimo parziale si apre nel segno di Baldi Rossi 64-56. Dallas e Diener provano a spaventare l'Aquila Basket trascinando i siciliani al 64-60. La tripla di Baldi Rossi e i tiri liberi di Craft rimettono la Dolomiti Energia in carreggiata. Prima della sirena Perl propone gli ultimi sussulti, ma Gomes chiude i giochi e mette tutti d'accordo sul 85-76.

 

DOLOMITI ENERGIA – BETALAND CAPO D’ORLANDO 85-76

(31-25, 45-39, 61-54)

 

DOLOMITI ENERGIA

Craft 10 (3/4 0/1), Jefferson 14 (6/10), Baldi Rossi 11 (2/4 2/6), Moraschini 2 (1/1), Forray 4 (1/1 0/4), Flaccadori 14 (1/2 3/3), Gomes 9 (3/6 1/4), Hogue 11 (3/10 1/1), Lighty 10 (3/4 0/1), Lechthaler. Coach: Buscaglia.

 

CAPO D’ORLANDO

Fitipaldo 7 (2/6 da tre),  Iannuzzi 6 (3/5), Laquintana 12 (3/3 1/1), Perl 10 (1/5 1/3), Nicevic n.e.,  Delas 19 (9/13 0/1), Diener 10 (1/4 2/3), Archie 6 (3/3 0/4), Stojanovic 6 (1/3 1/3), Galipò n.e., Munafò n.e., Pavicevic n.e. Coach: Di Carlo.

 

NOTE:

Tiri liberi: Dolomiti Energia 18/25, Capo d’Orlando 13/18

Tiri da due: Dolomiti Energia 23/41, Capo d’Orlando 21/36

Tiri da tre: Dolomiti Energia 7/21, Capo d’Orlando 7/21

Rimbalzi: Dolomiti Energia 37 (Jefferson 5), Capo d’Orlando 28 (Perl, Delas 6)

Assist: Dolomiti Energia 17 (Craft 7), Capo d’Orlando 22 (Fitipaldo 13)

 

ARBITRI: Carmelo Lo Guzzo, Gabriele Bettini, Alessandro Perciavalle

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato