Contenuto sponsorizzato
Attualità

Enorme valanga travolge la strada regionale bloccando una galleria, l'impressionante VIDEO della massa di neve che scivola a valle

L'evento si è verificato oggi nella valle di Gressoney ed ha provocato il blocco della strada lasciando isolati due comuni. In questi giorni i bollettini valanghe segnano per le zone l'allerta è di ''grado 4 - forte'' ecco perché e le immagini della valanga 

Di Luca Pianesi | 03 marzo | 18:21
Questo articolo si rispecchia nei nove punti del Manifesto,
di cui il Comitato scientifico dell’AltraMontagna è garante.

Codice rosso e livello di allerta ''forte'' su gran parte delle montagne della Valle d'Aosta dove nelle ultime ore è caduta tanta neve ma il vento e le temperature elevate l'hanno resa pesante e a rischio scivolamento. E così quest'oggi un grosso distacco si è verificato nella valle di Gressoney. La valanga è scivolata dal pendio sopra la strada regionale 44 per Gressoney finendo per travolgerla tappando una galleria.

 

 

 

La strada è stata chiusa e al momento i due comuni più a monte, Gressoney-Saint-Jean e Gressoney-La Trinité, sono isolati. 

 

 

 

D'altronde il rischio valanghe in Valle d'Aosta è dato come ''marcato'' di grado 4 (oltre c'è solo il grado 5 ''molto forte''). Il perché lo spiega lo stesso bollettino valanghe: ''Con, le forti nevicate il vento da moderato a forte proveniente da sud est, si è formata una situazione valanghiva sfavorevole. Sono possibili numerose valanghe spontanee di medie e di grandi dimensioni. Il manto nevoso sarà instabile in molti punti. Con il rialzo termico e l'irradiazione solare diurni, sono previste valanghe asciutte e umide, soprattutto sui pendii soleggiati, come pure sui pendii ripidi rocciosi. Sui pendii esposti a nord ovest, nord ed est, nella parte basale del manto di neve vecchia si trovano strati fragili. I deboli strati basali possono distaccarsi in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali. Sono possibili distacchi a distanza''.

 

 

Il tutto a fronte di grandi nevicate. ''In molte regioni - spiega l'Valanghe.Report - fino a lunedì cadranno diffusamente da 70 a 130 centimetri di neve al di sopra dei 1800 metri circa, localmente anche di più. Il vento proveniente da sud est ha causato il trasporto di molta neve. A tutte le esposizioni si sono formati accumuli di neve ventata di grandi dimensioni. La neve fresca in molti punti non si è ben legata con la neve vecchia. La neve fresca poggia su strati soffici. È presente molta neve alle quote medie e alte. La parte basale del manto nevoso ha una stratificazione sfavorevole, con una superficie trasformata in cristalli sfaccettati. I test di stabilità e le osservazioni sul territorio confermano che la situazione valanghiva è delicata''.

 

La valanga di Gressoney, fortunatamente, non ha coinvolto macchine o persone e quindi non si registrano feriti o vittime ma certo la viabilità ha subito delle grosse ripercussioni. Chiuse per neve anche le strade regionali per Cogne e Valsavarenche.

SOSTIENICI CON
UNA DONAZIONE
Contenuto sponsorizzato
recenti
Ambiente
| 28 maggio | 06:00
È ormai evidente che in montagna, se da un lato continuano a essere riproposti investimenti miopi che si riflettono in modalità turistiche che a causa dei cambiamenti climatici stanno camminando rapidamente verso il baratro, dall’altro stiamo iniziando ad assistere a nuove pratiche aderenti alle caratteristiche ambientali del presente e, di conseguenza, capaci di anticipare i tempi facendosi modello a cui mirare. Di seguito l'elenco delle Bandiere Verdi e Nere di Legambiente
Attualità
| 27 maggio | 19:00
L’obiettivo è quello di valorizzare e promuovere, in ambito nazionale e internazionale, il turismo montano sostenibile e responsabile. "Tra i progetti in corso nell’ambito della collaborazione, spiccano la spedizione femminile K2-70, il portale online per prenotare i rifugi e il progetto di citizen science “Acqua Sorgente” per la mappatura delle fonti d’acqua nei territori montani"
Ambiente
| 27 maggio | 18:00
Il progetto, nato nel 2018 da un gruppo di ragazzi e ragazze all'interno della Commissione dei Giovani della Cipra internazionale torna con una nuova edizione che permetterà a 100 ragazzi e ragazze di viaggiare nelle Alpi con un biglietto interrail alpino. Un progetto volto a stimolare un nuovo modo di viaggiare e visitare le montagne: a basse emissioni, con lentezza, per scoprire i luoghi che si attraversano e le persone che li abitano
Contenuto sponsorizzato