Contenuto sponsorizzato

Continua la diffusione del colpo di fuoco, ora anche sulle piante ornamentali. Fem: "Importante intervenire subito per anticipare ed arrestare la diffusione dell’infezione"

Continua la diffusione del batterio Erwinia amylovora soprattutto in Valsugana. I risultati dei monitoraggi della Fem mostrano, oltre alla diffusione su melo e pero, anche un aumento sulle specie ornamentali e spontanee trovate infette in giardini, aiuole, parchi e alberature

Pubblicato il - 22 giugno 2020 - 14:50

TRENTO. Continua la diffusione in Valsugana del "colpo di fuoco" ossia del batterio Erwinia amylovora, e a questo proposito la Pat-Fem fa il punto della situazione. I risultati dei monitoraggi mostrano, oltre alla diffusione su melo e pero, anche un aumento sulle specie ornamentali e spontanee trovate infette in giardini, aiuole, parchi e alberature. Si tratta, soprattutto, di rosa, sorbo, nespolo, biancospino, cotogno e cotognastro. "Poiché questa malattia da sola non si ferma - spiegano i tecnici della Fondazione Mach - è necessario informare capillarmente la cittadinanza ed intervenire senza indugio per anticipare ed arrestare la diffusione dell’infezione".

 

Fem, d’intesa con l’Ufficio fitosanitario della Provincia autonoma di Trento, ha inviato ai comuni della Valsugana un opuscolo informativo da diffondere ai cittadini per sensibilizzare la popolazione sulla diffusione della malattia sulle piante ornamentali e per richiamare gli obblighi di legge, gli stessi che vigono per i frutteti. Nei giorni scorsi è stato anche avviato un monitoraggio da parte della Pat per il controllo di piante ospiti infette, con conseguente asportazione dei sintomi e pulizia, nelle aree verdi pubbliche (parchi, ciclabili, aiuole e bordi).

 

Per sensibilizzare ulteriormente la cittadinanza è stato realizzato un sito dedicato cliccando qui, allo scopo di informare in modo immediato e con semplicità sull’avanzamento della malattia, ma soprattutto fornendo una guida al riconoscimento dei sintomi nelle specie ospiti (piante spontanee e ornamentali) nonché indicando le misure di prevenzione e contenimento che tutti devono attuare.

Nel corso degli ultimi giorni sono stati eseguiti numerosi controlli e osservazioni sul territorio con prelievo di campioni in frutteto ma anche su piante ospiti presenti in orti giardini e bordure. Il batterio continua quindi la sua diffusione, con casi fino a Castelnuovo. Si conferma, come ipotizzato qualche settimana fa, che l’infezione da Erwinia amylovora è presente anche nell’ambiente extra agricolo rendendo la gestione del problema Colpo di fuoco molto complessa, anche perché la sua espansione è stata ampiamente favorita dalle condizioni meteorologiche del mese di giugno.

 

Oltre ad una attiva e puntuale azione di monitoraggio e accompagnamento da parte dei tecnici presenti sul territorio, che stanno informando sui sintomi e sulle modalità di pulizia delle piante colpite, il gruppo di lavoro della Fondazione Mach sta operando in stretta connessione con il Servizio Fitosanitario della Provincia allo scopo di mettere in campo tutte le competenze presenti per agire subito nei confronti di questa grave infezione da Colpo di fuoco batterico che sta colpendo duramente la melicoltura di un intero territorio. Lo scopo è quello di unire le forze, le conoscenze e le competenze per affrontare lo stato di emergenza ed essere in grado di gestire il futuro. In meno di un mese sono stati analizzati 85 campioni dal laboratorio di diagnosi della Fondazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 13:44

I fatti sono avvenuti intorno alle 11.45 come quel 7 gennaio 2015 quando morirono 20 persone. La zona è blindata e un uomo sarebbe già stato preso

24 settembre - 17:22

La mascherina è diventata dispositivo di protezione individuale indispensabile nella quotidianità di ognuno di noi. Quello che però può sembrare un semplice strumento, per altri può diventare un vero e proprio "muro". Per questa ragione è stato lanciato un modello di mascherina che permette di leggere il labiale e al tempo stesso protegge dal rischio di contagio

25 settembre - 12:26

Dal giorno della sua fuga, Denni è stata avvistata più volte, ma non si è mai riusciti a recuperarla. Si tratta di una meticcia di taglia media di 10 chili: "Si muove con destrezza e abilità: è brava, si sa gestire bene, schiva i pericoli e sceglie i posti più strategici per fermarsi a mangiare e riposare. Vuole rimanere libera, ma non può: è pericoloso per lei e per gli altri"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato