Contenuto sponsorizzato

Canile di Trento, entro primavera il trasferimento. Pronti 800 mila euro

Da anni si discute dello spostamento della struttura di via delle Bettine. Gilmozzi: "E' arrivato il momento. 600 mila euro li metterà la Provincia e 200 mila il Comune". In primavera i cani saranno trasferiti in Località Laghetti

Di Luca Pianesi - 06 settembre 2016 - 10:23

TRENTO. In primavera i cagnolini del canile di Trento avranno una nuova casa. Nascerà in Località Laghetti su un terreno di proprietà di Trentino trasporti, costerà tra i 600 e i 900 mila euro e finalmente riuscirà a dare una prima forma di stabilità a tutta la struttura, dagli operatori agli ospiti a quattro zampe. Ad assicurarlo l'assessore ai lavori pubblici Italo Gilmozzi e l'ingegnere Giuliano Franzoi dirigente del servizio edilizia pubblica del comune.

 

“La Provincia ha dato la delega di realizzare la struttura al Comune e metterà a disposizione 600 mila euro per l'opera – spiega l'assessore Gilmozzi – e noi come amministrazione siamo intenzionati ad aggiungere tra i 200 e i 300 mila euro per rendere la nuova opera ancor più accogliente e funzionale”. La questione è annosa. Da molto tempo, infatti, si parla di un trasferimento obbligato della struttura, legato a esigenze di viabilità e del circondario. E anche lo stesso canile, da anni, lamenta che l'attuale struttura è fatiscente, che servirebbero nuovi box, nuovi container, più spazi e le telecamere per controllare gli animali e l'edificio.

 

 

“Interventi impossibili da realizzare fintantoché la nostra sede resta precaria - aggiunge Luca Lombardini presidente della Lega del Cane di Trento che gestisce il canile – e quindi speriamo davvero che questa sia la volta buona”. L'area dove sorgerà la nuova struttura è sulla destra dell'Adige in un area verde, lontana dalle abitazioni. Per raggiungerla si dovrà passare il Ponte di San Giorgio, svoltare in Località Laghetti e superare il sottopassaggio della tangenziale.

 


 

L'opera nascerà su quelli che oggi sono prati incolti versante sinistro della carreggiata. “I budget sono predisposti – conclude l'ingegner Franzoi – tra settembre e ottobre procederemo alle verifiche del caso ed entro la primavera prossima i circa 100 cani del canile di Trento avranno una nuova casa, con prefabbricati più accoglienti e funzionali sia per le loro esigenze e che per quelle degli operatori della struttura che in questi mesi ci hanno aiutato molto per la progettazione”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
24 ottobre - 21:23
Un confronto per capire come rendere il territorio più attrattivo dal punto di vista turistico ma anche lavorativo. Gianni Battaiola (presidente [...]
Cronaca
24 ottobre - 21:19
Negli scorsi giorni si sono verificati altri gravi incidenti sul posto di lavoro. Sono, purtroppo, dieci le vittime in Trentino da inizio [...]
Politica
25 ottobre - 06:01
Sono diverse le zone scoperte sul fronte dei medici di base, una categoria in difficoltà. Ma non sono le uniche criticità per quanto riguarda il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato