Contenuto sponsorizzato

Bolkestein, serve ascoltare le ragioni degli ambulanti

Il mio auspicio è che anzitutto venga approvata senza modifiche la norma contenuta nel Milleproroghe con la proroga al 2018, anche perché la Provincia Autonoma di Trento ne ha già preso atto ed ha bloccato tutte le procedure
DAL BLOG
Di Franco Panizza - 14 febbraio 2017

Segretario politico del Patt e Senatore nella XVII legislatura 

Condivido le preoccupazioni che sono state espresse dagli ambulanti che manifestano in queste ore sotto il Parlamento contro la direttiva Bolkestein. Una loro rappresentanza ha preso parte ad una audizione in Prima Commissione. 

Lo scorso ottobre sulla scorta delle sollecitazioni ricevute dalle organizzazioni del Trentino, ho presentato un'interrogazione per chiedere al Governo che l'Italia, al pari della stragrande maggioranza dei paesi europei, escluda il commercio ambulante dal recepimento della direttiva. E un'iniziativa simile è stata assunta anche dal gruppo autonomista in consiglio provinciale, con una mozione della consigliera Chiara Avanzo.

 

Con la direttiva Bolkestein grandi aziende internazionali potrebbero fare incetta di permessi e di licenze, con il rischio di trasformare il commercio ambulante in una propaggine della grande distribuzione e dei grandi marchi internazionali.  Il commercio ambulante è gestito da tante piccole e piccolissime imprese familiari che, con grandi sacrifici e spesso in condizioni di disagio, raggiungono durante l'intero corso dell'anno anche i centri più sperduti e carenti di servizi.

 

Inoltre è un settore che da sempre si caratterizza per la vendita di prodotti che non entrano nella grande distribuzione, in alcuni casi per rivolgersi a quegli acquirenti particolarmente attenti al prezzo, in altri perché si tratta di vendite al dettaglio e di nicchia, in particolare nelle fiere specializzate e legate all'agroalimentare.

 

La Bolkestein rischia di mettere in grande difficoltà le decine di migliaia di persone che operano nel settore, con la perdita di diritti acquisiti in tanti anni di lavoro. Mettere in gara i posti disponibili, tra le altre cose, sta impedendo a molti soggetti di programmare gli investimenti e garantire la continuità aziendale.

 

Il mio auspicio è che anzitutto venga approvata senza modifiche la norma contenuta nel Milleproroghe con la proroga al 2018, anche perché la Provincia Autonoma di Trento ne ha già preso atto ed ha bloccato tutte le procedure.  

Ma soprattutto che, subito dopo, si lavori per un'esclusione del commercio ambulante dall'applicazione di questa direttiva. Siamo, assieme alla Spagna, l'unico Paese che l'ha estesa anche a questo settore. Tutto il resto d'Europa si è guardato bene dal farlo. Credo pertanto che la richiesta dei commercianti ambulanti oltre ad essere legittima, abbia una concreta possibilità di soluzione.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 febbraio - 19:45

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

17 febbraio - 20:04

Uno spazio nuovo, contemporaneo, che si troverà all'inizio di via Suffragio in piazzetta Nicolò Rasmo. L'iniziativa è di Filippo Sartori e l'apertura è prevista tra aprile e maggio. Piatti della cucina italiana/mediterranea, anche per palati vegetariani

17 febbraio - 12:26

Sono state chiuse nei giorni scorsi le indagini preliminari che riguardavano appalti e subappalti per le Sae (Soluzioni abitative di emergenza) nelle Marche. Nell'inchiesta anche il consorzio Gips di Trento 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato