Contenuto sponsorizzato

Chi abbiamo bloccato al Brennero? Un pericoloso terrorista o un bambino di 5 anni? Apriamo gli occhi

I poderosi controlli italo-austriaci hanno scoperto un pericoloso potenziale terrorista, nascosto sotto il pianale di un treno merci diretto al Nord, con l'evidente intento di attaccare la nostra cultura e la nostra civiltà. L'amara ironia unico commento a certe tragedie
DAL BLOG
Di Lorenzo Dellai - 14 novembre 2017

Eletto presidente della Provincia di Trento per la prima volta nel 1999 resta in carica fino al 2012 quando si dimette per entrare poi alla camera dei deputati con la lista Scelta Civica nel 2013. Oggi è alla guida di Democrazia Solidale

I poderosi apparati di sicurezza italo-austriaci, che presidiano l'attraversamento del Passo del Brennero, hanno funzionato egregiamente. Infatti, hanno scoperto un pericoloso potenziale terrorista, nascosto sotto il pianale di un treno merci diretto al Nord, con l'evidente intento di attaccare la nostra cultura e la nostra civiltà.

 

Si tratta di Antony, un bambino di cinque anni originario, pare, della Sierra Leone. Le indagini, in collaborazione con le intelligence di tutta Europa, sono in pieno corso per valutare i possibili collegamenti con le più pericolose reti fondamentaliste.

 

Talvolta, l'amara ironia è l'unico commento alle tragedie che ci passano sotto gli occhi. Almeno, speriamo che ci aiutino ad aprirli, gli occhi.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 15:50

Sabato scorso è arrivata da Roma la richiesta di istituire a livello locale una task force di coordinamento delle attività che si faccia carico, tra l'altro, anche della comunicazione relativa all’emergenza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato