Contenuto sponsorizzato

L'Europa boccia Orban e la sua deriva sovranista e illiberale e il Ppe sceglie da che parte stare

Degasperi insegnava che non esiste “popolarismo” senza una barriera invalicabile a destra. I valori europei di democrazia e libertà sono stati riaffermati come essenza stessa dell'Unione
Dal blog di Lorenzo Dellai - 13 settembre 2018 - 16:48

Il voto del Parlamento Europeo contro la svolta antiliberale in Ungheria offre due piccoli spunti di speranza. Il primo riguarda l’idea di Europa. I valori europei di democrazia e libertà non sono un’optional. Sono l’essenza stessa dell’Unione.
Il secondo riguarda la politica. Il Ppe ha votato quasi interamente contro Orban e la sua deriva illiberale e sovranista.

Con l’eccezione degli europarlamentari di Forza Italia. Per carità, le contraddizioni rimangono, ma questo è un segnale importante. La mutazione genetica del Ppe - che sarebbe stata clamorosa nel caso di un allineamento alle posizioni sovraniste - non ha fatto quel passo irreversibile che qualcuno auspicava. Non esiste “popolarismo” senza una barriera invalicabile a destra, come insegnava Degasperi.

A maggior ragione nell’Europa di oggi. Questo fatto dovrebbe insegnare molte cose a molti. Dov’è il posto dei veri popolari nella contesa politica, valoriale e culturale che si sta giocando in Europa, in Italia e anche in Trentino? La risposta è molto chiara: non con la destra antieuropea, antiliberale e sovranista.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato