Contenuto sponsorizzato

L'Europa boccia Orban e la sua deriva sovranista e illiberale e il Ppe sceglie da che parte stare

Degasperi insegnava che non esiste “popolarismo” senza una barriera invalicabile a destra. I valori europei di democrazia e libertà sono stati riaffermati come essenza stessa dell'Unione
Dal blog di Lorenzo Dellai - 13 settembre 2018 - 16:48

Il voto del Parlamento Europeo contro la svolta antiliberale in Ungheria offre due piccoli spunti di speranza. Il primo riguarda l’idea di Europa. I valori europei di democrazia e libertà non sono un’optional. Sono l’essenza stessa dell’Unione.
Il secondo riguarda la politica. Il Ppe ha votato quasi interamente contro Orban e la sua deriva illiberale e sovranista.

Con l’eccezione degli europarlamentari di Forza Italia. Per carità, le contraddizioni rimangono, ma questo è un segnale importante. La mutazione genetica del Ppe - che sarebbe stata clamorosa nel caso di un allineamento alle posizioni sovraniste - non ha fatto quel passo irreversibile che qualcuno auspicava. Non esiste “popolarismo” senza una barriera invalicabile a destra, come insegnava Degasperi.

A maggior ragione nell’Europa di oggi. Questo fatto dovrebbe insegnare molte cose a molti. Dov’è il posto dei veri popolari nella contesa politica, valoriale e culturale che si sta giocando in Europa, in Italia e anche in Trentino? La risposta è molto chiara: non con la destra antieuropea, antiliberale e sovranista.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 novembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 novembre - 13:45

Sabato a Tenno sarà posizionata la stele. I genitori oggi a "Mattino Insieme": ''E' importante perché ricorda Alba Chiara in quanto vittima di femminicidio''

21 novembre - 17:00

E' successo questa mattina molto presto a Rovereto nel quartiere di Lizzanella. I due ragazzi, poco più che maggiorenni, sono stati individuati con la refurtiva che è stata restituita ai proprietari

21 novembre - 14:25

L'ex primo cittadino lascia dopo quattro anni e mezzo. Eletto nel 2014, rassegna le dimissioni: "Al posto del logorio improduttivo di un consiglio comunale in conflitto perenne preferisco le dimissioni proprio perché quelle decisioni possano venir prese nell’interesse comune dei cittadini"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato