Contenuto sponsorizzato

Fitofarmaci, l'indice di qualità (IqR) residui l'aveva creato un trentino: lo ha adottato l'Europa e ora forse tornerà a "casa"

Presentato a Firenze un report intitolato “Fitofarmaci, classe di impatto potenziale CIP, un indicatore per guidare nelle scelte di sostenibilità". L’autore è Alessandro Franchi e tale indice potrebbe essere preso in considerazione da Apot assieme all'IqR di Michele Lorenzin. 
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 25 gennaio 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La quantità di fitofarmaci distribuiti annualmente in una zona ad agricoltura intensiva rappresenta un’arma di accusa da parte dei difensori della salute pubblica. Qualche anno fa Michele Lorenzin responsabile del settore laboratorio e controlli dell’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente di Trento propose l’indice di qualità residui (IqR) per valutare la qualità degli alimenti.

 

L’indice si calcola sommando i rapporti tra i valori dei residui di fitofarmaci ed i limiti massimi (LMR) fissati dal legislatore. Ignorato dalle autorità sanitarie e dai decisori politici provinciali e nazionali l’indice proposto da Lorenzin è stato fatto proprio dai rappresentanti della Grande Distribuzione a livello europeo che tiene conto del parametro multiresidui per accettare o respingere partite di prodotti agroalimentari.

 

Da Michele Lorenzin si apprende che nei mesi scorsi è stato presentato a Firenze un report intitolato “Fitofarmaci, classe di impatto potenziale (CIP)", un indicatore per guidare nelle scelte di sostenibilità. L’autore è Alessandro Franchi dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana. L’esperto ha analizzato le schede di identificazione di oltre 590 sostanze attive tenendo conto dell’impatto di ciascuna sostanza sull’acqua, l’ecosistema e la salute umana.

 

L’insieme dei dati raccolti dimostra che sostanziali miglioramenti sono stati compiuti negli ultimi decenni. Il CIP potrebbe essere preso in considerazione da APOT per integrare il progetto Trentino Frutticolo Sostenibile insieme all’IqR di Michele Lorenzin. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 19:55

Il presidente in conferenza stampa ha detto che per lui da lunedì si parte ma mentre Kompatscher e Zaia prima hanno distribuito i dispositivi e poi hanno fatto l'ordinanza in Trentino ancora manca tutto. E se nelle farmacie le mascherine scarseggiano il paradosso è che i guanti si potrebbero comprare proprio nei supermercati che, però, domani sono chiusi e lunedì non dovrebbero più essere frequentati senza i guanti

04 aprile - 19:38

Le vittime negli ospedali del sistema trentino sono 3 donne e 3 uomini. Sono 1.601 le persone in isolamento domiciliare, 151 in Rsa mentre i casi complessivi riguardano 741 persone, 151 nelle case di cura e 14 in strutture intermedie. Sono 301 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 52 in semi-invasiva e 81 in ventilazione invasiva

04 aprile - 19:01

Si tratta di un gruppo di analisi di scenario e un gruppo tecnico operativo per mettere in campo misure concrete sul breve periodo per dare "ossigeno" a chi ne ha bisogno e impostare una manovra di medio-lungo periodo, che inizi a guardare al "dopo" quindi ad uno scenario che abbracci almeno i prossimi 12-24 mesi. Ecco chi sono i 15 nomi scelti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato