Contenuto sponsorizzato

Se non sapete come vincere un Nobel andate al Muse

Martedì prossimo alle 18 un curioso incontro con Massimiano Bucchi, autore di un recente libro sul dietro le quinte del più prestigioso premio scientifico mondiale. Dall'appassionante e tormentata vicenda del Nobel a Einstein, ai «fantasmi» dei Nobel clamorosamente mancati. Dalle assegnazioni più discusse alle scoperte premiate in seguito rivelatesi errate

Pubblicato il - 13 ottobre 2017 - 12:57

TRENTO.  "Come vincere un Nobel, il premio più famoso della scienza". La curiosità troverà risposta nell'incontro promosso dal Muse martedì prossimo alle 18. Si tratta dell'incontro com Massimianoi Bucchi introdotto da Michele Lanzinger, direttore del MUSE e Lisa Orlandi de La Piccola Libreria. Letture a cura di Ugo Baldessari. Si potranno ascoltare  la storia e le storie del Premio Nobel: il ruolo sociale della scienza nel secolo breve, le vicende più singolari, le controversie e i conflitti legati al più prestigioso premio scientifico del mondo. 

 

 Dall'appassionante e tormentata vicenda del Nobel a Einstein, ai «fantasmi» dei Nobel clamorosamente mancati; dalle assegnazioni più discusse alle scoperte premiate in seguito rivelatesi errate; dai premi Nobel che sono divenuti celebrità a quelli quasi completamente dimenticati. 

 

 Il racconto del professor Bucchi è il racconto attento di un sociologo che riflette sull'immagine pubblica della scienza, sugli intrecci con la società, la politica e la cultura e sui suoi cambiamenti dal primo Novecento a oggi.

 

  Un appuntamento per tutti i lettori curiosi di conoscere il dietro le quinte del più importante e chiacchierato premio scientifico. Nel corso dell'incontro sarà possibile scoprire l'identikit dei vincitori, il cerimoniale sontuoso, la liturgia che sfocia in canonizzazione, le manie e la competizione tra stati, l'effetto "San Matteo", i Nobel più "Nobel" di altri, la narrazione e la trasfigurazione del Nobel (genio, eroe nazionale, asceta intellettuale, laico santificato).

Il libro è frutto di quasi vent'anni di ricerche dell'autore presso gli archivi storici dei premi Nobel ospitato alla Fondazione Nobel e dell'Accademia Reale delle Scienze di Svezia. M

 Massimiano Bucchi è professore di Scienza, Tecnologia e Società all'Università di Trento ed è stato visiting professor in numerose istituzioni accademiche in Asia, Europa, Nord America e Oceania. Ha pubblicato una decina di libri (editi in Italia, Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Corea, Brasile) e saggi in riviste internazionali quali «Nature» e «Science». Ha ideato e curato varie edizioni dell'Annuario Scienza Tecnologia e Società (il Mulino).

 

 Tra i suoi libri piú recenti ricordiamo Il pollo di Newton. La scienza in cucina (Guanda, 2013) e Per un pugno di idee. Storie di innovazioni che hanno cambiato la nostra vita (Bompiani, tre edizioni, 2016). Dirige la rivista internazionale «Public Understanding of Science». Scrive di scienza e tecnologia per quotidiani («la Repubblica», «La Stampa») e collabora alla trasmissione televisiva Superquark (Raiuno).   Il libro: "Come vincere un Nobel. Il premio più famoso della scienza" è editato da Einaudi

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato