Contenuto sponsorizzato

Atto di nascita con la firma di due papà, la procura generale della Cassazione chiede di annullarlo

Per l'avvocato Schuster che segue la vicenda, i ricorsi presentati da Comune, Ministero e Procura generale sarebbero inammissibili perché presentati da soggetti non legittimati ad impugnare la decisione.

Pubblicato il - 07 novembre 2018 - 09:12

TRENTO. E' battaglia legale su un atto di nascita firmato da due papà e sul quale ora si è espressa la procura Generale della Cassazione che ha chiesto alle Sezioni Unite di accogliere i ricorsi del pg di Trento, del sindaco e del ministero dell'Interno, secondo i quali la trascrizione sarebbe contraria all'ordine pubblico.

 

La richiesta, quindi, è quella di annullare la sentenza della Corte d'Appello di Trento che aveva detto sì alla trascrizione del nome del secondo papà sull'atto di nascita di due bambini nati in Canada con la tecnica della gestazione per altri.

 

A seguire il caso è l'avvocato Alexander Schuster per il quale, invece, i ricorsi presentati da comune, ministero e pg sarebbero inammissibili perché presentati da soggetti non legittimati ad impugnare la decisione.

 

Per l'avvocato, una sentenza che impone ad un Comune di aggiornare i registri di stato civile, non consente allo Stato di "ingerire nella vita privata di persone e famiglie portandole in tribunale”. La questione, ha affermato Schuster, “ha rilevanza costituzionale”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato