Contenuto sponsorizzato

Atto di nascita con la firma di due papà, la procura generale della Cassazione chiede di annullarlo

Per l'avvocato Schuster che segue la vicenda, i ricorsi presentati da Comune, Ministero e Procura generale sarebbero inammissibili perché presentati da soggetti non legittimati ad impugnare la decisione.

Pubblicato il - 07 novembre 2018 - 09:12

TRENTO. E' battaglia legale su un atto di nascita firmato da due papà e sul quale ora si è espressa la procura Generale della Cassazione che ha chiesto alle Sezioni Unite di accogliere i ricorsi del pg di Trento, del sindaco e del ministero dell'Interno, secondo i quali la trascrizione sarebbe contraria all'ordine pubblico.

 

La richiesta, quindi, è quella di annullare la sentenza della Corte d'Appello di Trento che aveva detto sì alla trascrizione del nome del secondo papà sull'atto di nascita di due bambini nati in Canada con la tecnica della gestazione per altri.

 

A seguire il caso è l'avvocato Alexander Schuster per il quale, invece, i ricorsi presentati da comune, ministero e pg sarebbero inammissibili perché presentati da soggetti non legittimati ad impugnare la decisione.

 

Per l'avvocato, una sentenza che impone ad un Comune di aggiornare i registri di stato civile, non consente allo Stato di "ingerire nella vita privata di persone e famiglie portandole in tribunale”. La questione, ha affermato Schuster, “ha rilevanza costituzionale”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 17:49

Sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi, nessun minorenne. Il rapporto contagi/tamponi si attesta a 0,99%. Sono 6 le persone che presentano sintomi

23 settembre - 16:35

Il massimo rappresentante della Lega in Trentino, colui che è presidente del partito di governo in provincia commenta sui social che con Ianeselli a sindaco di Trento la città è caduta in basso e poi sotterra il livello della discussione con questo commento rivolto a Rossella, una utente che si è azzardata a commentare quanto da lui postato

21 settembre - 16:55

I carabinieri hanno rinvenuto, nascosti nella camera da letto, 350 grammi di hashish. La difesa dei due fidanzati accusati di spaccio: “È per uso personale”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato