Contenuto sponsorizzato

Crolla il numero di migranti fermati al Brennero. La polizia: ''Controlli severi sui treni in partenza da Verona''

Secondo i dati forniti, lo scorso gennaio furono ancora 65, a febbraio 52 e a marzo 26, mentre a maggio solo due migranti sono stati scoperti e a giugno ancora nessuno

Pubblicato il - 23 giugno 2018 - 21:01

BRENNERO. E' in calo da tempo l'arrivo dei migranti sul nostro territorio e parallelamente sono in calo anche le persone intercettate su treni merci al Brennero. A comunicarlo è stata la polizia tirolese a seguito di alcuni controlli al valico italo-austriaco.

 

Secondo i dati forniti, lo scorso gennaio furono ancora 65, a febbraio 52 e a marzo 26, mentre a maggio solo due migranti sono stati scoperti e a giugno ancora nessuno.

 

Il responsabile della task force per i controlli di confine Erich Lettenbach ha spiegato che questo calo è dovuto anche ai controlli che da qualche mese sono più severi sui treni in partenza da Verona. Oltre a questo, i migranti sono ormai informati sui controlli.

 

Nessun abbassamento della guardia” è il commento del governatore tirolese Guenther Platter. Le forze dell'ordine confermano che i controlli fatti con collaborazione tra poliziotti italiani, austriaci e tedeschi continueranno.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato