Contenuto sponsorizzato

I volontari trentini in aiuto dei bellunesi, ''Siamo riusciti a sistemare alcune strade e soccorrere le famiglie di due frazioni''

L'ispettore dell'Unione distrettuale di Fassa: "Anche nel bellunese il maltempo ha creato tanti danni. Ci sono molte case scoperchiate. Abbiamo dato ancora la nostra disponibilità e siamo in attesa di capire come e quando intervenire"

Di Giuseppe Fin - 05 novembre 2018 - 17:14

ARABBA. Un fine settimana di lavoro per i tanti volontari dei vigili del fuoco che oltre ad intervenire in Trentino per risistemare strade, controllare torrenti, fiumi e mettere in sicurezza abitazioni ed edifici pubblici colpiti duramente dal maltempo, hanno avuto la forza anche di rispondere alla richiesta di aiuto arrivata da Belluno.

 

Una colonna di una trentina di vigili del fuoco volontari appartenenti ai corpi di Vigo di Fassa, Soraga, Pozza di Fassa e Campitello, ieri mattina sono infatti partiti per andare ad aiutare la popolazione di Arabba, uno dei paesi del bellunese sconvolto dalla furia del maltempo dove la caduta di piante sulle strade ha isolato, o comunque reso difficili le comunicazioni con intere frazioni e dove dopo un black out dell'energia elettrica si è riusciti a ripristinarla in parte con alcuni collegamenti con la val di Fassa.

“Con i volontari di quattro corpi – ha raccontato l'ispettore Giancarlo Pederiva – siamo partiti ieri mattina con i nostri mezzi e siamo arrivati ad Arabba. Qui la situazione è ancora grave soprattutto per quanto riguarda la viabilità. Ci sono alberi piegati finiti sulle strade e anche l'energia elettrica non è  stata ristabilita completamente in maniera stabile”.

 

Gli interventi che gli uomini dei vigili del fuoco del distretto di Fassa sono riusciti a portare a termine ieri lavorando senza sosta, hanno riguardato la sistemazione delle strade per consentire alle famiglie residenti di muoversi. “Siamo riusciti – ha spiegato Pederiva – a liberare dai detriti e dagli alberi caduti alcune strade. Così facendo, due frazioni sono tornate pienamente raggiungibili”.

I lavoro dei vigili del fuoco volontari sono proseguiti per l'intera giornata con la messa in sicurezza di alcune zone critiche sul territorio di Arabba. In serata i corpi della Val di Fassa sono rientrati. “La situazione nel bellunese è molto critica – ci spiega l'ispettore – e c'è ancora moltissimo lavoro da fare. Ci sono diverse case che sono rimaste scoperchiate. Noi abbiamo dato ancora la nostra disponibilità e siamo in attesa di capire come e quando intervenire”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 15:37

L’ultimo esemplare radiocollarato è una femmina, ribattezzata “Cimbra”, con la sua cattura sarà possibile acquisire dati che serviranno a evitare le predazioni sugli animali domestici. Gli esperti: “Se si vogliono trovare soluzioni ci si deve attenere ai fatti evitando il sensazionalismo. Progetto replicabile? Sì, in tutto l’arco alpino, anche nei confronti degli orsi”

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato