Contenuto sponsorizzato

''Io sto con i migranti''. Dopo la nonnina di Arco si mobilita anche Trento: ''Sarà un presidio continuo''

Tutto è partito con un gruppo WhatsApp. Una 'protesta' che parte dal basso per dire che non tutta l'Italia è razzista. Saremo in piazza il venerdì e il martedì

Di db - 31 luglio 2018 - 10:28

TRENTO. L'ha fatto un'anziana signora ad Arco, che ha scritto il suo cartello e l'ha portato con sé fin davanti alla chiesa dov'è rimasta seduta per due ore domenica scorsa. E l'hanno fatto anche altri: una comunicazione che parte dal basso, che vuole dire quello che sui social viene spesso sommerso da un mare di insulti: "Io sto dalla parte dei migranti".

 

Se qualcuno volesse insultare, dovrebbe mettere in tasca lo smartphone, abbandonare il divano, confrontarsi direttamente con chi, anche a Trento, si è dato appuntamento in piazza Duomo. anche questa volta con i cartelli, con scritta una semplice frase: "Io sono ... e sto con i migranti"

 

"Tutto è partito con un giro di messaggi su WhatsApp - spiega Giusi Campisi - l'obiettivo era rompere il silenzio, prendere parola dentro una comunicazione che amplifica soltanto le parole di Salvini. Sembra che gli italiani sino tutti così, ma non è vero".


"Abbiamo deciso di mettere in gioco i nostri corpi, perché credo sia necessario partite da se stessi". In piazza, per davvero, con la propria faccia e il proprio nome: "Io sono Giusi e sto con i migranti", "Io sono Lorenzo e sto con i migranti", "Io sono Riccardo e sto con i migranti". 

 

"L'idea è quella dei piccoli presidi, due o tre volte alla settimana - spiega Giusi - e chiunque può prendere un cartello, scrivere il proprio nome. Alcuni hanno messo anche il cognome". Il contrario di chi spesso, anonimo, commenta su Facebook con cattiveria.

 

I prossimi appuntamenti? "Saremo tra piazza Duomo e piazza Pasi venerdì pomeriggio, tra le 18.30 e le 20.30. Poi il martedì, la mattina dalle 9 a mezzogiorno". Ci saranno di sicuro fino a metà agosto, poi vedranno come strutturarsi: "E' in programma una riunione tra chi vorrà partecipare, per capire come proseguire". 

 

Niente social, niente volantini, nulla: solo la presenza dei corpi e dei cartelli. In piazza, per dire semplicemente "Io sto con i migranti"

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 05:01

Il rischio è che tante persone che in questi mesi hanno trovato un riparo durante la notte grazie ai posti messi a disposizione dal Comune all'Ostello della Gioventù finiscano nuovamente a dormire in strada. Questa sera sarà l'ultima notte anche per gli spazi aperti nella Chiesa di Centochiavi ma potranno essere riattivati

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato