Contenuto sponsorizzato

Maggiore impulso per le ricerche di Marco Boni. Sul lago di Garda arrivano i sommozzatori della Polizia di La Spezia e le unità cinofile

Prosegue l'impegno delle unità di ricerca del Commissariato della Polizia di Riva del Garda e della locale Squadra Nautica

Pubblicato il - 27 febbraio 2018 - 15:57

RIVA DEL GARDA. Si concentrano nel lago di Garda le ricerche di Marco Boni il giovane di 16 anni scomparso venerdì 16 febbraio.

 

Per dare maggiore impulso alla ricerca di Marco, da questa mattina nelle acque del lago di Garda sono presenti oltre alle unità di ricerca del Commissariato della Polizia di Stato di Riva del Garda e della locale Squadra Nautica anche una motovedetta della Squadra Nautica di Peschiera del Garda, il personale dei sommozzatori della Polizia di Stato di La Spezia ed unità cinofile della Polizia di Stato specializzate nella la ricerca di resti umani immersi in acqua provenienti dalla Polizia Aerea di Milano Malpensa.

 

Nei giorni scorsi state diffuse le immagini delle riprese di alcune telecamere che mostrano Marco Boni al Belevedere della Ponale. Questo è l'ultimo istante nel quale si riesce a vedere il giovane.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 dicembre - 13:59

Le precipitazioni che stanno colpendo il Trentino stanno portando forti nevicate anche a quote molto basse. In Val di Non e Sole nel fondo valle sono caduti circa 40-60 centimetri. Ecco il dettaglio delle strade e del livello della neve in provincia

04 dicembre - 18:47

Critiche sulle nuove norme del Dpcm sono arrivate dal presidente di Coldiretti Trentino Alto Adige: "I paesi di montagna sono i luoghi più sicuri per affrontare l'emergenza ed invece questo nuova Dpcm paradossalmente li penalizza fortemente”. Da parte del presidente Fugatti, l'auspicio di "un ripensamento per rendere i divieti più soft nelle prossime settimane"

05 dicembre - 12:20

Lo sfogo di una mamma trentina che, dopo aver rispettato tutte le direttive e le regole durante il periodo di quarantena, ora si sente presa in giro. "Credevo nell’Apss e nella Provincia, ma sono stata una povera cretina. Questa mattina i carabinieri mi volevano fare una multa da 450 euro perché risultavo essere ancora positiva, quando ho ricevuto il tampone negativo una settimana fa e sono tornata al lavoro da giorni"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato