Contenuto sponsorizzato

Senza esito le ricerche di Marco Boni. L'indagine si allarga e si spera nei tabulati telefonici

Da venerdì la macchina dei soccorsi ha lavorato a pieno regime per trovare il 16enne scomparso da Riva del Garda. In campo anche droni e cani molecolari. E' stata setacciata qualunque zona limitrofa all'area dell'ultimo avvistamento

Di Luca Andreazza - 18 febbraio 2018 - 19:14

RIVA DEL GARDA. Hanno dato esito negativo le ricerche che da venerdì sono in corso di Marco Boni, il 16enne originario di Tione scomparso  a Riva del Garda. La macchina dei soccorsi ha lavorato a pieno ritmo tra ricerche sul campo, acquisizione delle immagini delle telecamere, l'utilizzo di droni e cani molecolari.  Oltre a vigili del fuoco, forze dell'ordine e soccorso alpino, si è mobilitato anche il Saf, il nucleo speleologico alpino fluviale.

 

Le ricerche terrestri al momento sono in stand-by mentre proseguono quelle con i droni. L'ultima segnalazione ritenuta plausibile del giovane è quella del passaggio del ragazzo in via dei Molini venerdì alle 19.  Qualche informazione si attende ora dai tabulati telefonici di cui è già stata fatta richiesta.  

 

Le forze dell'ordine non lasciano nulla al caso e in questi giorni hanno setacciato ogni zona, fiumi, lago, torrenti e boschi, ma anche le grotte presenti nell'area, mentre le foto del ragazzo sono state diffuse anche fuori provincia, nei territori limitrofi. Dopo quasi 72 ore di ricerche serrate ora si attendono nuovi elementi per riprenderle anche in altri territori.  

 

Continuano le ricerche di Marco, il 16enne scomparso a Riva del Garda

Non mancano gli appelli di famigliari e amici. "Ti aspettiamo in qualsiasi momento tu voglia venire. Se hai bisogno telefona e veniamo a prenderti. Ti vogliamo bene", questo il messaggio affidato ai social network.

 

Sono state controllate le zone della RocchettaMaddalena e la zona di San Giacomo. Sempre a Riva del Garda è stata setacciata anche la zona del Varone e del Bastione di Santa Barbara. Le ricerche sono state ampliate anche nei territori limitrofi per arrivare a Torbole e Tenno. Si scandaglia anche il lago e diversi sentieri boschivi che è solito frequentare il giovane. 

 

Si sono mobilitati gli stessi compagni di scuola di Marco, che frequenta l'Istituto Maffei, che hanno volantinato in diverse zone per chiedere se qualcuno lo avesse visto. Ore di ansia anche a Tione dove Marco vive con la propria famiglia molto conosciuta in paese. 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato