Contenuto sponsorizzato

Scuola-lavoro, oltre 12 mila studenti coinvolti. Rossi: ''Numeri importanti ma conta la qualità''

Un convegno all'Arcivescovile ha visto il confronto tra studenti e imprese. Elevato il numero di aziende coinvolte: 2.350 hanno ospitato gli studenti dell’istruzione, 1.848 quelle che hanno ospitato gli studenti della formazione professionale

Di db - 20 marzo 2018 - 18:16

TRENTO. Si è parlato di formazione all'Arcivescovile, e per la precisione del rapporto tra formazione e lavoro. E sul piatto sono stati messi i numeri: gli studenti che hanno fatto esperienze di scuola-lavoro sono passati dai 4.455 dell’anno scolastico 2015/2016 ai 12.643 dell’anno in corso.

 

Nell’anno scolastico 2016/2017 sono state 1.530.928 le ore totali di esperienze di questo tipo suddivise in 1.025.234 per l’istruzione e 505.964 per la formazione professionale: di queste 1.288.936 ore sono state svolte in tirocinio curriculare, l’esperienza più significativa di alternanza scuola-lavoro.

 

Elevato si rivela anche il numero di aziende coinvolte sul territorio provinciale: 2350  hanno ospitato gli studenti dell’istruzione, mentre sono 1.848 le aziende che hanno ospitato gli studenti della formazione professionale. “I numeri sono importanti - ha sottolineato il governatore Ugo Rossi - ma quello che conta è costruire esperienze di qualità”.

 

L'incontro dal titolo “La scuola trentina tra alternanza scuola-lavoro e apprendistato duale”, organizzato dal Dipartimento della conoscenza ha visto confrontarsi studenti, docenti, imprenditori, rappresentanti delle categorie economiche e dei sindacati in un dibattito aperto e costruttivo, su ciò che è stato fatto e su ciò che ancora resta da fare per considerare compiuta la riforma che ha previsto per legge l’alternanza nelle scuole di secondo grado.

 

“Non possiamo pianificare le attività di alternanza solo per adempiere a un obbligo normativo – ha detto il governatore - il primo valore citato dalla Costituzione è il lavoro, è da esso infatti che scaturisce il concetto di cittadinanza. Aprire la scuola al lavoro è la sfida che ci vede tutti coinvolti: per questo chiediamo aiuto anche alle imprese”.

 

La mattinata di confronto è stata aperta dalla dirigente generale del Dipartimento della Conoscenza, Livia Ferrario, che nell’illustrare i dati che hanno caratterizzato gli ultimi tre anni, ha affermato: “Lavoro e istruzione sono i valori etici fondativi della nostra società. Ringrazio tutti coloro che si sono messi in sinergia per rendere strutturale questa riforma”.

 

Preziosi anche i contributi pervenuti dal mondo dell’imprenditoria. Giovanni Coletti, di Tama, ha affermato: “ Il 54% dei dipendenti delle mie aziende proviene da esperienze di alternanza. L’opportunità di ospitare studenti in alternanza è molto favorevole per l’azienda che in questo modo può conoscere il lavoratore e le sue potenzialità, ma lo è altrettanto per lo studente che ha la possibilità di farsi conoscere”.  

 

Concordi anche gli altri imprenditori intervenuti al dibattito: Steno Fontanari - Coop. MPA Solutions, Massimo Zadra - Rustik Legno, Martina Barbieri – Hotel Montana. Tutti hanno condiviso la necessità di una sempre maggiore interlocuzione tra il mondo della scuola e quello dell’imprenditoria, affinché la formazione possa tenere in considerazione le esigenze del mercato del lavoro, anche per conciliare in maniera adeguata domanda e offerta.

 

A seguire si sono espressi gli studenti che hanno messo in evidenza come nelle esperienze di alternanza si possano sviluppare non solo competenze specifiche legate al proprio indirizzo di studi, ma anche competenze trasversali, soft skills, fondamentali per sapersi muovere nel mondo del lavoro e non solo.

 

Tra le richieste degli studenti intervenuti, tra cui il vicepresidente della Consulta, si è parlato della necessità di valorizzare maggiormente  la coerenza tra i percorsi di studio e le esperienze in azienda. Il dibattito è poi proseguito parlando di internazionalizzazione dei percorsi, di valutazione  e dell’importanza per i giovani di essere protagonisti in prima persona del proprio futuro.

 

Dalle testimonianze presenti all’incontro è emerso inoltre che notevoli passi in avanti sono stati fatti anche nel contesto dell’apprendistato duale, l’istituto che consente il conseguimento di un titolo di studio formale valorizzando, sia l’esperienza professionale diretta, sia la formazione presso l’istituzione formativa.

 

Dall’anno scolastico 2015/2016 il numero degli studenti che ha optato per questo tipo di percorso è aumentato da 6 a 44, così come il numero di aziende ospitanti è passato da 6 a 33. La mattinata si è conclusa con l’auspicio di innalzare sempre più la qualità dei percorsi.

 

“La nostra sfida – ha concluso il governatore Rossi  - è quella di essere sempre più competitivi. Dobbiamo proseguire sulla strada intrapresa e continuare a lavorare in sinergia per essere sempre più  aperti alle sfide che il mercato ci porrà”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

23 settembre - 16:12

L’esplosione si è verificata questa mattina in un supermercato a St.Jodok, sul versante austriaco del Brennero. Secondo la prima ricostruzione la causa dell’incidente sarebbe da ricondurre a degli operai che hanno inavvertitamente bucato un tubo del gas provocando la deflagrazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato