Contenuto sponsorizzato

''Subiamo aggressioni verbali e lavoriamo nel degrado'', i lavoratori delle ferrovie oggi si fermano. Non sarà garantita la pulizia di treni e stazioni

Oggi i lavoratori degli appalti del servizio ferroviario del gruppo Fs Italiane incrociano le braccia. In Trentino sono circa cinquanta.  Il segretario della Filt Montani: ''Le stazioni sono diventate il rifugio di chi è costretto a vivere ai margini della società e sono lasciate in uno stato di completo degrado, senz'acqua e servizi igienici. Impossibile lavorare in queste situazioni". 

Pubblicato il - 24 settembre 2018 - 09:23

TRENTO. Oggi non sarà garantita la pulizia di treni, stazioni e dei servizi accessori. Si fermano, infatti, i lavoratori e le lavoratrici che operano negli appalti del servizio ferroviario del gruppo Fs Italiane.

 

“Troppo spesso le stazioni, soprattutto quelle di piccole dimensioni – ha spiegato in una nota Stefano Montani, segretario della Filt del Trentino - sono il rifugio di chi è costretto a vivere ai margini della società e sono lasciate in uno stato di completo degrado, senz'acqua e servizi igienici. In questo contesto i lavoratori degli appalti ferroviari sono costretti ad operare e a garantire la vivibilità delle stazioni in condizioni di lavoro ad oggi, impossibili”.

 

Quello indetto per la giornata di oggi è il secondo sciopero dopo quello di luglio. “E' una situazione che riguarda una cinquantina di persone – ha spiegato il segretario trentino della Filt – e i lavoratori e le lavoratrici sono costretti a lavorare spesso nel degrado e subendo vere e proprie aggressioni verbali. Una situazione che non può continuare”

 

Diverse le questioni alla base della mobilitazione tra le quali anche le procedure di affidamento dei lotti messi a gara con ribassi eccessivi, i continui cambi di appalto che troppo spesso non garantiscono la continuità lavorativa ignorando le clausole sociali.

 

“Non mancano i ritardati pagamenti degli stipendi” – spiega ancora Montani. “Per quanto riguarda il nostro territorio è doveroso che anche la politica locale intervenga su Rete Ferroviaria Italiana e sulle Istituzioni locali affinché i lavoratori addetti alla pulizia delle stazioni possano operare in sicurezza e con tutti gli strumenti necessari. Basterebbe anche un passaggio la mattina delle forze dell'ordine nelle stazioni per fare in modo che si possa lavorare senza pericoli”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 20:28

Da qualche giorno appare chiaro che sommando i positivi trovati con i molecolari e gli antigenici il Trentino appare in linea (anzi con dati peggiori come per altro sui decessi e le terapie intensive) con l'Alto Adige. Ieri i positivi ''reali'' erano circa 520 (a fronte dei 156 comunicati in conferenza stampa) e sabato erano circa 800 (a fronte dei 219 di Fugatti e Segnana). Da domani anche la Pat dovrebbe fornire i dati completi uniformandosi alla vicina provincia di Bolzano

02 dicembre - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

02 dicembre - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato