Contenuto sponsorizzato

Truffa e vendita in nero di medicinali, 11 farmacisti trentini rinviati a giudizio

L'accusa è quella di truffa ai danni dello stato ma è contestata anche l'associazione a delinquere. Il tutto è partito da un'indagine della Guardia di Finanza nell'ottobre scorso

Pubblicato il - 19 ottobre 2018 - 10:04

ROVERETO. Sono undici i farmacisti trentini rinviati a giudizio con l'accusa di di truffa a danni dello stato ma è contestata anche l'associazione a delinquere. Le persone coinvolte operano tra Mori e i dispensario di Marco.

 

Il processo inizierà a gennaio e arriva dopo le indagini portate avanti dalla Guardia di Finanza di Trento che ha scoperto come i farmacisti richiedevano rimborsi per l'avvenuta consegna a pazienti di farmaci e presidi sanitari in realtà mai consegnati ma trattenuti dalla farmacia e venduti in nero a terzi oppure chiedevano rimborsi di presidi medici consegnandone a chi ne aveva diritto quantità inferiori. (QUI L'INCHIESTA COMPLETA)

 

Le indagini hanno portato all'individuazione di un vero e proprio sistema di frode attuato da due farmacie di Mori (TN) e un Dispensario di Marco (TN) facenti capo a un’unica società, anch’essa con sede a Mori (TN), intestata ai proprietari delle farmacie.

 

Il processo, come già detto, partirà a gennaio.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato