Contenuto sponsorizzato

Era stato accusato di favoreggiamento all'immigrazione clandestina, agricoltore trentino scagionato

In primo grado l'uomo era stato condannato ad un anno di reclusione oltre a 247 mila euro di multa. Ora i giudici della Corte d'Appello hanno ribaltato la sentenza

Pubblicato il - 19 dicembre 2019 - 09:16

TRENTO. L'accusa era stata di favoreggiamento all'immigrazione clandestina e un agricoltore di Trento, con dei terreni a Terlago, era stato condannato in primo grado ad un anno di reclusione oltre a 247 mila euro di multa. Ora, però, Gianluigi Tabarelli de Fatis è stato scagionato.

 

La vicenda risale a qualche anno fa e nasce dall'idea dell'agricoltore, 54enne, di coltivare spezie ed ortaggi che vengono molto usati dagli immigrati in cucina per ricordare i sapori della propria terra. Il tutto con la collaborazione di un negozio che si occupa di prodotti etnici.

 

Ecco allora l'idea di coltivare dalle patate americane, la menta fino al coriandolo per poi poterli commercializzare. Per il progetto servivano però dei lavoratori e l'agricoltore ha quindi richiesto al Servizio lavoro della Provincia, di far arrivare 10 lavoratori dal Bangladesh.

 

Da qui sono scattati i controlli rapportando la richiesta di lavoratori con le particelle di terreno a disposizione dell'agricoltore dai quali è risultato che potevano sostenere l'impiego di appena una unità lavorativa. Non aveva nessun senso quindi la richiesta di 10 lavoratori dal Bangladesh. Ecco allora l'accusa di favorire l'immigrazione clandestina.

 

La difesa, però, ha dimostrato come l'agricoltore avesse chiesto la restituzione di un ulteriore terreno di sua proprietà per la coltivazione, non aveva avuto alcun contributo pubblico e la richiesta era stata presentata dal suo commercialista. Tutti aspetti presi in considerazione dai giudici della Corte d'Appello di Trento e che hanno portato al ribaltamento della sentenza di primo grado.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 05:01

L’anomalia dei tamponi molecolari: con una parità quasi perfetta dei test eseguiti (13.892 a Trento, 13.764 a Bolzano) i positivi rilevati dall’Alto Adige sono il triplo di quelli trentini dove, in 10 giorni, si dichiarano appena 567 contagi. Dai casi fantasma ai macroscopici errori dell’Iss (che dovrebbe controllare le Regioni), pare impossibile avere un quadro puntuale dell’evoluzione epidemiologica

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato