Contenuto sponsorizzato

Il "Muro della gentilezza" prende colore. Finita la decorazione dell'armadio della solidarietà

L'iniziativa lanciata dal Comune ha lo scopo di mettere a disposizione dei bisognosi i capi in buono stato e non più utilizzati. La cittadinanza, infatti, potrà lasciare i vestiti che non usa affinché chi ne ha bisogno possa prenderli senza restituirli. Nel fine settimana l'artista Senka Semar lo ha decorato

Pubblicato il - 16 dicembre 2019 - 13:38

TRENTO. Il “Muro della gentilezza” di Piazza Fiera ha preso finalmente colore. Nel fine settimana, come annunciato, l'artista Senka Semak ha “dato vita” all'iniziativa di solidarietà – già presente in diverse città del mondo – che incoraggia la gente a donare abiti inutilizzati a persone meno fortunate, decorandolo. L'armadio, posizionato alla base della piazza in corrispondenza di una delle entrate al parcheggio sotterraneo, “accoglierà” gli abiti usati, veicolando inoltre un messaggio di condivisione, solidarietà sociale e cura del prossimo.

 

Proposta dal consigliere Cristian Zanetti, l'iniziativa ricalca un'esperienza già provata in altri contesti, a partire dall'Iran e dal Nord Europa. “Se non hai bisogno lascialo. Se hai bisogno prendilo” è lo slogan che accompagna il progetto; ogni persona che ha un cappotto, un vestito, una giacca in buono stato che ha smesso di usare, potrà appenderli nell'armadio. Chi, invece, avrò necessità di coprirsi, potrà prendere ciò che gli serve senza bisogno di restituirlo.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 ottobre - 18:59
"Purtroppo, le farmacie e le strutture pubbliche/private dedicate a questo servizio non sono in grado di compiere giornalmente un numero di test [...]
Cronaca
17 ottobre - 18:13
Il corpo senza vita di Elio Coletti è stato rinvenuto dall'unità cinofili dei vigili del fuoco. Il 58enne si era allontanato di casa in cerca di [...]
Cronaca
17 ottobre - 17:55
Ci hanno provato prima i familiari e poi il personale sanitario giunto sul posto con l'elisoccorso ma per il 62enne non c'era più niente da fare. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato