Contenuto sponsorizzato

Ore contate per M49, il ministro Costa alla Provincia: ''So che è stato individuato e circondato, ma non sparate''

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

Di Luca Andreazza - 16 luglio 2019 - 22:30

TRENTO. L'orso più ricercato del Trentino avrebbe ormai le ore sempre più contate. M49 è stato immortalato da una fototrappola alle 9.29 di martedì 16 luglio nei boschi della Marzola (Qui articolo), dove sono diversi i dispositivi per catturare le immagini. Il cerchio è così iniziato a stringersi, il personale forestale si è immediatamente attivato per assicurare il monitoraggio e il presidio territoriale.

 

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo (Qui articolo), chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale. "So che l'orso M49 è stato individuato e circondato. Mi appello - commenta Sergio Costa - alle forze politiche e anche a chi sta seguendo le operazioni: non sparate. E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2".

Nel frattempo, sempre martedì, i funzionari di Ispra hanno fatto visita alla struttura del Casteller. Accompagnati dal dirigente del servizio Giovanni Giovannini, da Claudio Groff del servizio foreste e fauna, e da personale del corpo forestale, hanno preso visione dell’area e, in particolare, della struttura adibita alla captivazione degli orsi.

 

Si sono soffermati in particolare sulle recinzioni e sui sistemi di sicurezza di cui la struttura è dotata. I funzionari provinciali hanno fornito informazioni sulla dinamica relativa all’allontanamento di M49 rispondendo anche alle domande del personale di Ispra.

 

Ormai il caso è noto, l'orso è stato catturato intorno alle 22.30 di domenica 14 luglio sui monti della val di San Valentino a Porte di Rendena, e rilasciato in zona 1 dopo che i tecnici hanno tolto il radiocollare. Un'operazione che si è conclusa alle 3 di lunedì 15 luglio, ma la cattività è durata poco.

 

Nel giro di due ore M49 si è ripreso la libertà, una fuga dal Casteller dopo aver scavalcato quattro recinzioni elettrificate compresa l'ultima di quattro metri. Da lì avrebbe preso la direzione della Vigolana (Qui articoloqui articolo e qui articolo), ma invece è stato immortalato in Marzola, dove si starebbero concentrando tutti gli sforzi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 17:45

Le fermentazioni regolari, hanno dato origine a vini puliti, con intensi profumi fruttati, strutturati, con ottime acidità fisse e bassi tenori di acidità volatile. Si evidenziano punte di eccellenza nei vini rossi medio-tardivi (Teroldego). La cimice asiatica ha colonizzato tutti gli areali della provincia ma sulle viti non si segnalano particolari danni (usate per l'ovodeposizione)

10 dicembre - 16:44

Ponti, viadotti e cavalcavia in Trentino sono costantemente monitorati. La PAT si è dotata già dal 2002 di un sistema informatizzato denominato BMS "Bridge Management System"

10 dicembre - 13:22

Nell'annuario statistica presentato dal Comune del capoluogo si trovano dati statistici significativi sull'evoluzione della città. Aumentano i turisti, calano i reati, migliorano i servizi e la qualità della vita ma l'età della popolazione si spinge sempre avanti, con famiglie sempre meno numerose

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato