Contenuto sponsorizzato

Sette centauri morti in due weekend, Garzetti (Moto Club): ''Non si usa il mezzo per fare esibizionismo. Chi vuole fare il gran premio vada in pista''

Sono oltre sette i motociclisti che sono morti nelle ultime due settimane sulle strade trentine. Gran parte durante il weekend. Il presidente del Moto Club di Trento: "Serve il rispetto di tutti, bisogna osservare le regole ma anche le nostre strade devono essere più pulite e diventare più sicure senza guard rail ghigliottina"

Pubblicato il - 23 giugno 2019 - 06:01

TRENTO. “Si deve andare in moto senza fare gli esibizionisti perché il gran premio si guarda in tv. Serve più rispetto da parte di tutti in strada”, è questo l'appello che fa Bruno Garzetti da oltre 30 anni presidente del Moto Club di Trento e sempre attento all'educazione e alla formazione di chi viaggia sulle due ruote.

 

In Trentino è bastato che le temperature iniziassero a salire perché le strade si trasformassero, purtroppo, in veri e propri cimiteri. Nell'arco di due settimane sono morti oltre sette motociclisti e la maggior parte di loro ha perso la vita durante il weekend.

 

Velocità, disattenzione sono i principali fattori che portano alla morte. Ma non si possono non considerare  le condizioni delle strade e i guard rail che diventano delle ghigliottine. Questi ultimi sono una delle battaglie che lo stesso Garzetti porta avanti da anni. Fino ad oggi, però, si è fatto troppo poco.

 

“Non se ne parla molto – ci spiega – ma le nostre strade, soprattutto vicino ai bordi, sono sporche, hanno quella sabbia che viene lasciata d'inverno e che ora diventa una vera e propria trappola per i motociclisti”. Una sabbia che se con le temperature rigide e le strade ghiacciate è importante, d'estate provoca l'effetto contrario facendo perdere aderenza alle due ruote.

 

“Ho sempre predicato – ha continuato Garzetti – il rispetto delle leggi. Sia per noi stessi ma anche per rispetto del prossimo. Tutti gli utenti della strada devo rispettarsi. In tanti, invece, si mettono alla guida della moto solo per fare gli esibizionisti. Se ne fregano degli altri. Poi il rispetto ci deve essere anche da parte degli automobilisti per i motociclisti”.

 

Non può mancare la segnaletica stradale che, però, non sempre è adeguata soprattutto sulle strade di montagna.  “Ci sono certi incroci sul nostro territorio – chiarisce Garzetti – che non sono adeguatamente segnalati ma anche altre zone pericolose che andrebbero rese più riconoscibili. Si incontrano dei tombini rialzati che in alcuni casi sono davvero un rischio per chi viaggia”.

 

Nella cura delle strade da qualche anno si sta facendo particolare attenzione soprattutto con l'arrivo della bella stagione. Allo stesso tempo da parte delle associazioni motociclistiche vi è una sempre maggiore sensibilizzazione per l'attenzione che deve essere messa da chi si mette in viaggio.

 

“Se uno si guarda il gran premio in tv – conclude Garzetti – e poi vuole fare l'esibizionista in strada che vada in pista dove può sfogarsi finché vuole”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

25 settembre - 17:49

La prima neve della stagione sta cadendo proprio in questi momenti sui monti altoatesini occidentali e lungo la cresta di confine. Fino a sabato sera anche nella zona dell' Ortles potranno cadere fino a 50 centimetri di neve fresca

25 settembre - 12:43

Assia Belhadj si è candidata alle ultime regionali in Veneto con una civica a sostegno di Lorenzoni. E' stata attaccata violentemente sui social da migliaia di haters che l'hanno minacciata, insultata e in suo sostegno è intervenuto anche il vescovo di Belluno. Ora, a elezioni passate, ha deciso di denunciarli: ''In quanto responsabile di una associazione che aiuta le donne maltrattate ho sempre suggerito loro di fidarsi delle Istituzioni e di rivolgersi allo Stato. Senza però mai immaginare che un giorno a chiedere aiuto sarei stata io''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato