Contenuto sponsorizzato

Valanga in Val Senales uccide mamma e due bambine di 7 anni. Il direttore degli impianti: ''Tragedia terribile, siamo tutti scioccati''

Il distacco della neve è avvenuto ieri attorno alle 12 e la valanga è arrivata ad investire la pista dove si trovava una comitiva di turisti. Sono riusciti a salvarsi solo un uomo e il figlio di 11 anni. La Procura ha aperto un'indagine ed oggi ci saranno i sopralluoghi 

Pubblicato il - 29 dicembre 2019 - 08:37

BOLZANO. Doveva essere una giornata di divertimento assieme ad amici e famiglia sulla neve in Val Senales. In pochi momenti, però, è avvenuta la tragedia. Una comitiva di cinque turisti, di Turinga e Aquisgrana, è stata centrata da una valanga di grandi dimensioni.

 

E' successo alle 12.10 di ieri, sabato 28 dicembre, nel comprensorio sciistico del ghiacciaio della Val Senales, sulla pista che si trova tra i rifugi Bellavista e Teufelsegg.

 

Il distacco ha avuto una larghezza di circa 150 metri ed una lunghezza di circa 500 metri. La neve con tutta la sua violenza è arrivata sulla pista “Teufelsegg” ed ha travolto gli sciatori. Un uomo e suo figlio di 11 anni, appartenenti alla comitiva di tedeschi, sono riusciti ad uscire dalla neve e a salvarsi. (QUI L'ARTICOLO)

 

Immediatamente si è messa in moto una imponente macchina dei soccorsi. Subito sul posto sono arrivati decine di soccorritori e tre elicotteri, il Pelikan 2, l'Aiut Alpin e l'elicottero del soccorso austriaco, e le ricerche sono proseguite anche dopo che erano stati trovati i primi due coinvolti (elitrasportati all'ospedale di Merano in codice giallo). Sul posto sono intervenuti i militari del soccorso alpino della Guardia di Finanza in servizio di vigilanza piste con un'unità cinofila, il soccorso alpino, i vigili del fuoco, la Croce bianca e si è alzato in volo anche un quarto elicottero, quello della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Bolzano.


La slavina, però, non ha lasciato scampo ad altre tre persone. Una bambina di sette anni dopo essere stata ritrovata sotto la neve da parte dei soccorritori è stata portata in condizioni disperate all'ospedale di Trento dove nel pomeriggio di ieri è morta (QUI L'ARTICOLO). Stesso destino per la madre, la donna di 35 anni, maggiore d'esercito tedesco. Quando è stata trovata dai soccorritori, purtroppo, non c'era più nulla da fare. A perdere la vita anche un'altra bambina di sette anni di Eschweiler vicino ad Aquisgrana. Anche lei travolta dalla neve mentre si trovava in pista.

 

Tre morti, una donna e due bambine di sette anni, un bilancio pesantissimo provocato da una valanga sulle cui cause ora sarà compito della Procura far luce. Già oggi è previsto un sopralluogo da parte del sostituto procuratore e al momento non viene esclusa alcuna strada.

 

Ad esprimere dolore e vicinanza alle famiglie colpite da una simile tragedia è stato Thomas Konstantin Stecher, Direttore delle Funivie Ghiacciai Val Senales. In una nota, diramata ieri pomeriggio, ha affermato che “I nostri collaboratori la mattina presto hanno valutato la situazione e non c'erano pericoli. Se avessero avuto dei dubbi non avrebbero certo aperto la discesa a valle". Al momento non si esclude che la valanga che ha investito la comitiva e ucciso tre persone “sia stata causata da sciatori fuori pista”. "Siamo tutti scioccati – conclude - da questa terribile tragedia. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alle famiglie colpite. Faremo ogni sforzo per stare loro vicino"
 

La Procura ha aperto un'inchiesta. Saranno ora le indagini portate avanti in queste ore a fare chiarezza sulle cause della tragedia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato