Contenuto sponsorizzato

Coronavirus: ecco tutte le misure adottate in Trentino. Attivato anche il numero verde pe avere informazioni sull’epidemia

Si rafforzano le misure precauzionali per prevenire la diffusione del coronavirus in Trentino. Per informazioni di carattere tecnico, sanitario o di altra natura è stato istituito anche il numero verde 800867388

Pubblicato il - 24 febbraio 2020 - 21:29

TRENTO. Dopo il primo caso registrato in Alto Adige e i tre turisti lombardi in vacanza a fai della Paganella si rafforzano le misure precauzionali per prevenire la diffusione del coronavirus in Trentino.

 

Non ci sono cittadini trentini che presentano sintomi”, rassicura il presidente della Pat, Maurizio Fugatti, che ieri ha tracciato un primo bilancio sulla situazione della diffusione del coronavirus. “La famiglia risultata positiva ieri – ha aggiunto il presidente – ha deciso volontariamente di rientrare in Lombardia e ci siamo messi a disposizione con le strutture sanitarie per procedere in questo senso”.

 

Nella mattinata di ieri, lunedì 24 febbraio, il governatore e i vertici dell'Apss si sono recati a Fai della Paganella per testimoniare la vicinanza delle istituzioni al territorio, nel frattempo gli esperti della task force provinciale erano al lavoro per ricostruire gli spostamenti della famiglia lombarda (QUI articolo). “Sono tre le ulteriori persone – evidenzia Fugatti – che si sono sottoposte alla quarantena volontaria in quanto arrivati a contatto con questi turisti: si sono recati al bar Moby Dick di Fai della Paganella”.

 

Come ribadito dalle autorità la situazione resta sotto controllo ma per essere preparati ad affrontare qualsiasi emergenza, ma anche per evitare che fra la gente si diffonda il panico, è stato attivato il numero verde 800867388 (attivo dalle 8 alle 20) dover poter ricevere informazioni di carattere tecnico, sanitario o di altra natura. Restano comunque validi anche il 1500 e solo per le emergenze il 112.

 

Ecco nel dettaglio le misure adottate in Trentino a scopo precauzionale:

  • Università, centri di ricerca, asili e scuole di ogni ordine e grado chiusi all’utenza. Si riapre il 2 marzo
  • Sospensione delle gite scolastiche fuori dal territorio provinciale
  • Annullamento delle manifestazioni carnevalesche
  • Annullamento delle manifestazioni in luoghi chiusi che prevedono la concentrazione di un numero elevato di persone (una persona per due metri quadri)
  • Isolamento dei soggetti da sottoporre a quarantena in quanto provenienti da aree a rischio o che abbiano avuto contatti con soggetti sintomatici
  • Adozione da parte dei soggetti pubblici e privati di misure idonee a limitare la permanenza di un numero elevato di persone in luoghi chiusi pubblici (una persona per due metri quadri)
  • Intensificazione della disinfezione giornaliera dei treni regionali e dei mezzi del trasporto pubblico locale
  • Obbligo per chi arriva in Trentino dalle zone a rischio epidemiologico di comunicarlo al dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria per l’adozione della permanenza domiciliare fiduciaria
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 12:06

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 5.549 casi da inizio epidemia. Ci sono 106 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri, mentre sono 8 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 25 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

22 ottobre - 12:45

Alberti è anche l’autore del celebre Cristo Silente, la grande scultura che si trova nelle acqua del Garda a porto San Nicolò. Oltre all’arte, la sua vita è stata dedicata alla famiglia e alla collettività, con l’impegno nel volontariato e in Consiglio comunale

22 ottobre - 12:00

L’etica ambientale e la tutela della natura sono sempre stati per il pastificio trenti no degli obiettivi fondamentali. Il nuovo incarto è di per sé uno storytelling, sul quale viene raccontata la sintesi del prodotto: la montagna, il luogo - le Dolomiti patrimonio dell’Unesco - dove si produce la pasta, la sorgente di acqua purissima e la semola di grano duro 100% italiano 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato