Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige 125 persone in isolamento domiciliare e un solo malato in buone condizioni

L'Azienda sanitaria altoatesina ha comunicato che nella provincia di Bolzano le persone attualmente poste in isolamento domiciliare sono 125. 28 quelle sottoposte ai tamponi, mentre l'uomo di Terlano trovato positivo settimana scorsa si trova in buone condizioni nel reparto infettivi, da cui potrebbe uscire a breve 

Pubblicato il - 05 marzo 2020 - 19:18

BOLZANO. 125 persone in isolamento domiciliare, 60 test effettuati su 28 persone e 1 caso accertato, le cui condizioni di salute continuano ad essere buone. È questo il bilancio provvisorio dell'epidemia di Covid-19 in Alto Adige, come comunicato nel pomeriggio dall'Azienda sanitaria della provincia di Bolzano.

 

Mentre proseguono le indagini epidemiologiche sul caso del paziente ricoverato all'ospedale San Maurizio del capoluogo altoatesino, trovato positivo al primo test e in attesa di conferme da parte dell'Istituto Spallanzani di Roma, l'uomo di Terlano contagiato nella scorsa settimana dovrebbe lasciare il reparto malattie infettive e posto in isolamento domiciliare.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 17:08

Un trend in decisa crescita rispetto a ieri (113 positivi e 11,5%) e quattro volte superiore ai numeri comunicati nel corso del week end: il dato si è attestato tra il 5% e il 6%. Ci sono 89 persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero con 5 pazienti in terapia intensiva. Altre 11 classi in isolamento e 33 nuovi casi tra gli studenti

27 ottobre - 17:05

L'incidente è avvenuto questo pomeriggio, sul posto si sono portati i vigili del fuoco, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine

27 ottobre - 16:25

I medici sono preoccupati perché la situazione di sfuggire di mano. Ioppi: "Si è ritornati a contrapporre la salute all'economia, ma questi aspetti dovrebbero andare di pari passo. Non si devono ripetere gli errori di marzo e aprile: non si deve rincorrere la malattia ma anticipare i tempi. Le istituzioni ci sostengano, gli operatori sono sfiniti e ci sono anche gli altri pazienti da seguire"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato