Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Gran Bretagna per 2 milioni di persone scattano le restrizioni. In tutto il Paese vige la regola del ''6''

Amanda Heeley, direttrice della sanità pubblica del consiglio del Sud Tyneside: “Se vogliamo continuare ad andare al lavoro e a scuola e a tenerci in contatto con i nostri parenti ma, al tempo stesso, fermare l’incremento di casi a cui stiamo assistendo, dobbiamo far sì che le persone aderiscano alle linee guida che entreranno in vigore oggi”

Di Marianna Malpaga - 17 September 2020 - 19:59

LONDRA. Torna il lockdown nel nord-est dell’Inghilterra. Da mezzanotte di ieri, 2 milioni di cittadini sono coinvolti dalle misure previste dal governo inglese, che comprendono il divieto di entrare a contatto con altre persone se non quelle appartenenti al proprio nucleo familiare e i propri congiunti.

 

“I dati che abbiamo a disposizione ci impongono di agire subito”, sostiene Matt Hancock, segretario di Stato per la salute e gli affari sociali del Regno Unito, il quale ha annunciato le misure. Le aree coinvolte dal lockdown preoccupano infatti per il crescente tasso di contagi: nel Sunderland si parla di 103 casi ogni 100 mila persone (un dato che è quattro volte sopra la media inglese), mentre in Sud Tyneside, Gateshead e Newcastle i casi superano i 70 (sempre ogni 100 mila persone).

 

Oltre a queste aree, saranno coinvolti dal lockdown anche Northumberland, la contea di Durham e Nord Tyneside. Secondo uno studio di The Guardian, la regione, abitata da circa 2 milioni di persone (il 3% della popolazione dell’Inghilterra), contava fino al 14 settembre il 15% dei casi di coronavirus in Inghilterra.

 

Secondo le misure imposte dal governo inglese, i ristoranti potranno fare solamente servizio al tavolo. Ristoranti, bar e pub dovranno poi rimanere chiusi dalle 22 alle 5. Inoltre, le persone potranno usare i mezzi pubblici solo per necessità, vale a dire per andare al lavoro e a scuola. Le vacanze sono permesse, ma solo assieme a congiunti e persone appartenenti al proprio nucleo familiare. Si consiglia anche di evitare di assistere e praticare sport dilettantistici e semi-professionali.

 

“Da uno studio locale – spiega Nick Forbes, capo del consiglio comunale di Newcastle, tra le aree comprese dal lockdown – è emerso che il coronavirus si diffonde soprattutto in tre luoghi: pub, case e comunità sportive”. Per questo, gli fa eco Amanda Heeley, direttrice della sanità pubblica del consiglio del Sud Tyneside, bisogna rispettare le misure se si vuole prevenire una seconda ondata di contagi. “Se vogliamo continuare ad andare al lavoro e a scuola e a tenerci in contatto con i nostri parenti – spiega Heeley – ma, al tempo stesso, fermare l’incremento di casi a cui stiamo assistendo, dobbiamo far sì che le persone aderiscano alle linee guida che entreranno in vigore oggi”.

 

Ora come ora, sono quasi 10 milioni le persone in Gran Bretagna (tra Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord) sottoposte a qualche forma di restrizione a causa del coronavirus. Si tratta del 15% della popolazione del Paese. “So – ammette Hancock – che queste decisioni hanno un impatto reale su famiglie, attività e comunità locali. Posso però dire a ciascuna delle persone toccate dalle misure che queste decisioni non sono state prese con leggerezza”. La decisione di attivare il lockdown arriva dopo “the rule of six”, la “regola del sei”, decisa lunedì dal governo. Questa regola prevede che, sia all’esterno che all’interno, non si possono incontrare più di 6 persone appartenenti a nuclei familiari diversi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
15 aprile - 12:57
Su un campione di 252 aquile reali e avvoltoi raccolti feriti o morti in un'ampia area dell'Europa centro-meridionale negli ultimi anni, il 44% di [...]
Politica
15 aprile - 12:42
Ieri il leader della Lega ha spiegato che è stato l'assessore Failoni ad anticipargli che verranno tenuti aperti i ristoranti all'aperto oggi si [...]
Cronaca
15 aprile - 10:01
Sono 1.525 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 27 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 165 guarigioni [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato