Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, 7 morti e altri 93 contagi. Sono 275 i decessi da inizio epidemia

Ci sono altre 7 vittime per un totale di 275 decessi con Covid-19. Sono stati eseguiti 1.179 tamponi e l'8% di questi sono risultati positivi. A livello regionale ci sono 5.498 casi e 467 morti

Di Luca Andreazza - 10 aprile 2020 - 17:47

TRENTO. Più 93 contagi e il Trentino si porta a 3.524 casi dall'inizio dell'epidemia coronavirus. Ci sono altre 7 vittime per un totale di 275 decessi con Covid-19. Sono stati eseguiti 1.179 tamponi e l'8% di questi sono risultati positivi. A livello regionale ci sono, quindi, 5.498 casi e 467 morti.

 

"Un dato alto nei contagi, però i trend è stabile. I decessi - dice il presidente Maurizio Fugatti - sono in calo ma elevati: oggi sono 7 in totale, 5 dei quali nelle Rsa. Sono 93 i contagi, 29 dei quali nelle case di riposo. Abbiamo eseguito un buon numero di tamponi e ci stiamo portando ai livelli che avevamo annunciato nei giorni scorsi".  

 

I casi oggi, 93 persone e 7 morti, seguono i casi di ieri, 89 contagi e 13 morti, i 106 casi 11 decessi di mercoledì 8, i 125 casi e 14 vittime di martedì 7, i 69 casi e 13 vittime di lunedì 6, 58 casi e 7 decessi di domenica 5, 95 casi con 6 decessi di sabato 4, i 104 casi con 17 morti di venerdì 3, i 114 casi con 14 vittime di giovedì 2 e i 97 contagi con 9 decessi di mercoledì 1 aprile.

 

Ancora i 45 casi con 17 morti di martedì 31 marzo, i 102 positivi con 18 vittime di lunedì 30, 87 casi con 9 decessi di domenica 29, i 104 con 18 vittime di sabato 28, i 114 con 16 decessi di venerdì 27 e i 121 con 12 morti di giovedì 26. E i 177 casi con 18 vittime di mercoledì 25, quindi i 214 (martedì 24 con 15 morti), 131 (lunedì 23) e 173 (domenica 22), mentre il dato più alto in termini di nuovi contagi è stato toccato sabato 21 con 239 casi e 15 decessi.

 

I dati mostrano un andamento stabile della diffusione di Covid-19 in Trentino con oscillazioni che rispecchiano il rapporto tra i numeri di tamponi analizzati e il risultato positivo al test. Oggi sono stati analizzati 1.179 tamponi e l'8% è risultato positivo (Qui articolo).

 

Ieri, giovedì 9 aprile, sono stati analizzati 800 tamponi per 114 casi (14%), mentre mercoledì 8 aprile, sono stati verificati circa 1.000 tamponi con 106 casi per 10%, martedì 7 aprile circa 800 tamponi con 125 positivi per un rapporto che si attesta al 15,6%, mentre lunedì 6 sono stati eseguiti 654 tamponi con 69 nuovi casi (10,5%), domenica 5 con 699 tamponi 58 contagi (8,3%), quindi sabato 4 aprile sono stati analizzati 750 tamponi per 95 casi (12,6%). Nella giornata di giovedì 2 aprile i tamponi effettuati sono stati circa 800 per 114 casi (14%). 

 

Ci sono 63 nuovi positivi in provincia di Bolzano che ora si attesta a 1.974 contagi. Ci sono 5 decessi rispetto a ieri, sono complessivamente 192 le persone morte in Alto Adige a causa del Covid-19.

 

Gli operatori dell’Azienda sanitaria positivi al test del Coronavirus sono 199. A questi si aggiungono 11 medici di medicina generale e 2 pediatri di libera scelta. Sono 401 le persone guarite dal coronavirus (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 11:31

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 6.095 casi da inizio epidemia. Ci sono 102 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 31 quelli nelle strutture, mentre sono 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 32 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

24 ottobre - 11:11

Petardi, fumogeni e urla dei manifestanti con il volto coperto, una protesta iniziata in modo pacifica che è degenerata, la piazza è stata conquistata dai gruppi violenti: auto delle forze dell'ordine prese a sprangate, lancio di sassi e bottiglie di vetro, fumogeni e insulti a polizia e carabinieri in assetto antiguerriglia

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato