Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, Ruscitti: ''Migliaia di persone curate a domicilio. Il 99% dei cittadini viene seguito in maniera accurato e puntuale''

Prosegue anche la riorganizzazione del sistema sanitario per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia Covid-19. Il dirigente: "Il picco non è stato ancora raggiunto e quindi si prosegue nelle varie riconversioni di reparti, anche per un allargamento delle terapie intensive"

Di Luca Andreazza - 15 November 2020 - 18:36

TRENTO. "C'è una differenziazione tra positivi e contatti. Ci sono delle regole per gli operatori sanitari, socio-sanitari e sociali, così come le linee guida per aziende, cooperative e associazioni per la gestione dei casi". Così Giancarlo Ruscitti, dirigente del Dipartimento salute e politiche sociali, che aggiunge: "Il personale più esposto viene testato ogni settimana, ci sono anche i kit per eseguire i test rapidi e per esempio all'insorgenza dei sintomi per gli ospiti nelle case di riposo si interviene subito per discriminare le persone e limitare il contagio".

 

La situazione epidemiologica è molto fluida, l'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha spiegato che circa il 10% del mondo delle Rsa ha contratto il coronavirus in questa seconda ondata (Qui articolo), mentre sono stati comunicati altri 8 decessi e 268 nuovi contagi (Qui articolo).

 

"Se un operatore risulta positivo - commenta il dirigente - segue gli iter dei normali cittadini fino al secondo tampone negativo. Se invece è un contatto, può lavorare fino all'esito del test. Una persona è risultata positiva non può tornare a lavorare fino a un test negativo. Regole che abbiamo scritto con le parti datoriali e sindacali. Una procedura che funziona e operativa da diverso tempo. Lavoriamo anche ai test salivari".

 

C'è anche un progressivo aumento delle persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario: 403 sono in ospedale di cui 33 pazienti in terapia intensiva. Sono diverse le segnalazioni di persone che si sentono abbandonate dalle autorità dopo che il test è risultato positivo: assenza di indicazioni e informazioni sulle procedure. 

 

"Migliaia di persone sono seguite a domicilio: c'è la Centrale Covid e i numeri verdi. Intendiamo potenziare e rafforzare il personale a disposizione - dice Ruscitti - ma il 99% dei cittadini viene seguito in maniera accurato e puntuale". 

 

Intanto prosegue anche la riorganizzazione del sistema ospedaliero per accogliere i pazienti Covid. Nelle scorse ore è stata decisa per la sospensione dei punti nascita di Cavalese e Cles (Qui articolo) e sono stati riattivati gli accordi con le strutture convenzionate private. "Il picco non è stato ancora raggiunto e quindi si prosegue nelle varie riconversioni di reparti, anche per un allargamento delle terapie intensive. Questa struttura ci permette di essere ancora in zona gialla", conclude Ruscitti.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
01 febbraio - 13:05
Il Comune di Riva del Garda ha dato il via a un’ambigua operazione: teatro e palasport sono stati barattati per la Miralago (che era già [...]
Cronaca
01 febbraio - 12:40
E' una sorta di “banca del seme” quella realizzata da “La Pimpinella”, l'associazione per la tutela della biodiversità agricola. I [...]
Ambiente
01 febbraio - 10:56
Dopo solo quattro giorni dal rilascio il lupo “Leonardo” (è un maschio di 32,6 chili) è stato ripreso da una videotrappola assieme [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato