Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la Germania inserisce l'Alto Adige nell'elenco delle zone a rischio

Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria

Di L.A. - 22 ottobre 2020 - 12:31

BOLZANO. L'Alto Adige è stato inserito dalla Germania nell'elenco delle zone a rischio Covid-19. Una lista che comprende anche valle d'Aosta, Umbria, Lombardia e Piemonte, Toscana, Veneto, Lazio, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Sardegna

 

Questo l'aggiornamento che regola il settore del traffico internazionale dei viaggiatori: le persone che valicano il confine devono osservare 14 giorni di quarantena oppure sottoporsi a tamponi per escludere un'eventuale positività. Le procedure scattano da sabato prossimo.

 

Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia, Svizzera, Slovenia e Ungheria

 

Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria

 

L'ultimo bollettino dell'Alto Adige riporta di 247 nuovi positivi, 106 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri, mentre sono 8 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 25 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco. Numeri ancora alti e un rapporto contagi/tamponi al 10%. Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 5.549 casi da inizio epidemia.

 

Sono 5.549 le persone sottoposte a misure di isolamento domiciliare. E' un periodo particolarmente delicato per la recrudescenza dell'epidemia, la Provincia di Bolzano ha deciso di sospendere i Mercatini di Natale per cercare di arginare la diffusione del coronavirus (Qui articolo), mentre l'amministrazione ha delineato alcune limitazioni e emesso un'ordinanza per recepire l'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte: almeno il 30% della didattica si deve svolgere a distanza (Qui articolo) e stop anche alla sfilata dei Krampus (Qui articolo).

 

Ci sono invece 7.788 casi e 485 decessi in Trentino da inizio emergenza coronavirus. Nel bollettino di ieri sono stati comunicati 148 nuovi positivi a fronte di 2.768 tamponi analizzati. C'è stato un altro decesso (14 morti in 12 giorni e 15 vittime in questa seconda ondata di Covid-19), mentre sono 50 i pazienti strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 2 le persone in terapia intensiva. Attualmente sono 79 le classi in isolamento (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 19:33

Tutti aspettavano di avere, finalmente, un quadro completo e ufficiale sui positivi totali trovati quotidianamente (sabato il Dolomiti vi ha svelato che non erano solo 219 i positivi ma se ne dovevano aggiungere più di 550 trovati, appunto, con gli antigenici) ma ancora una volta è stata data la colpa al ministero per la mancata operazione di trasparenza

30 novembre - 18:54

Sono stati analizzati 740 tamponi, 176 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 23,8%. Dal 1 dicembre viene nuovamente attivato il numero verde 800 867 388. Non sono stati ancora comunicati i dati dei test antigenici

30 novembre - 18:28

Sono stati analizzati 740 tamponi, 176 i test risultati positivi. Molto alto il rapporto contagi/tamponi si attesta al 23,8%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato