Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la Uil attacca la Provincia: “Autobus in condizioni di scarsa igiene, gli autisti sono preoccupati”

“Un colpo di spugna infetta – accusa il sindacato della Uil – lo stesso straccio sporco, con il quale si è pulito il mezzo, è stato usato anche per lucidare il volante del conducente”

Pubblicato il - 04 marzo 2020 - 12:43

TRENTO. Nicola Petrolli segretario Uiltrasporti del Trentino non usa mezzi termini quando afferma: “Azienda e Provincia cancellano la possibilità di provvedimenti seri con un colpo di spugna, infetta”.

 

Nel mirino del sindacato ci sono le misure adottate dalla giunta leghista per fronteggiare l’emergenza da coronavirus: “Ci rendiamo conto che le misure precauzionali per contenere le infezioni da Corononavirus non possano essere perfettamente coerenti ed esaustive”, si legge nella nota.

 

Misure come l’annullamento di diversi eventi pubblici, le limitazioni per il numero di persone negli spazi chiusi e la chiusura delle scuole (QUI la protesta degli studenti). Fra queste disposizioni si annoverano anche quelle che riguardano il settore dei trasporti che, nonostante all’interno degli stretti spazi degli autobus si ammassino un gran numero di persone, i servizi restano sostanzialmente operativi senza grandi variazioni.

 

 

Da un alto il sindacato parla di misure “accettabili e opportune”, soprattutto se non si vuole davvero fermare letteralmente il Paese, “ma andrebbe mantenuta almeno una parvenza di pudore nel momento in cui si affronta il tema e si deliberano dei provvedimenti”, l’accusa mossa da Petrolli.

 

 

“Se tali disposizioni – e si può discuterne l’effettiva efficacia sottolinea il sindacato – comprendono la necessità di incaricare ditte specializzate per la disinfezione straordinaria dei mezzi anche durante le soste dell’esercizio, allora non è accettabile trovarsi, il giorno seguente a quello della direttiva, con autobus in condizioni di igiene eccezionalmente scarsa denunciata tanto dagli autisti quanto dagli utenti”.

 

 

Sono gli stessi autisti a segnalare preoccupati, che quando le ditte specializzate puliscono i mezzi alcuni comportamenti lasciano quantomeno sconcertati: “Utilizzano lo stesso straccio sporco per lucidare il volante dell’incredulo conducente”, riporta il sindacato.

 

“In questo modo ci perdono utenti e i lavoratori – punta il dito Petrolli che poi aggiunge – se questo è il risultato dell’incontro tra provincia, Trentino Trasporti e sindacati, incontro che abbiamo disertato per l’inopportuna e inattesa presenza degli autonomi, sappiamo di non esserci persi poi molto”.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 19:49

Purtroppo si registra anche un nuovo positivo a Cembra Lisignago dove si era sviluppato il più grosso focolaio legato alla popolazione residente che ha un rapporto dell'0,85% di positivi per residenti. Dato più alto nel comune vicino, ad Altavalle (1% di popolazione positiva). Altri tre comuni sopra lo 0,75%

21 ottobre - 20:14

La notizia è stata battuta da Reuters e ripresa in tutto il mondo. Il fatto sarebbe avvenuto in Brasile e la conferma arriva dall'Università di San Paolo

21 ottobre - 17:39

Tra i nuovi positivi, 71 presentano sintomi, 13 casi riguardano minorenni, dei quali 2 contagiati sono nella fascia di età 0-5 anni e altri 11 ragazzi si collocano nella fascia 6-15 anni, mentre 13 infezioni riguardano over 70 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato