Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, le commesse dei supermercati: "Non arrabbiatevi se vi facciamo notare le regole. Se tutti le rispettiamo ne usciremo prima''

Con le nuove restrizioni sono numerosi i supermercati che hanno adottato l'entrata contingentata. Si entra pochi alla volta ma non mancano anche i clienti che protestano                                                                                           

Di Giuseppe Fin - 12 marzo 2020 - 11:50

TRENTO. I supermercati non chiudono. Il messaggio è chiaro e in relazione all'applicazione del decreto governativo #iorestoacasa per la gestione dell’emergenza Coronavirus, potranno tenere aperto anche nel fine settimana.

 

Tutto questo per consentire alla popolazione di diluire la spesa nel corso della settimana, evitando l’affollamento dei negozi.

 

Resta l’obbligo, per i gestori, di stabilire un numero massimo di persone che possano contemporaneamente frequentare l’esercizio, garantendo la distanza di un metro tra i clienti. All'interno dei punti vendita è stata predisposta una segnaletica a terra da seguire per mantenere le giuste distanze.

 

Fin dalle prime ore di apertura di oggi sono numerosi i supermercati che tengono le porte chiuse aprendole per far entrare pochi cittadini alla volta per evitare l'affollamento all'interno. Da ricordare, comunque, che i punti vendita vengono riforniti e non vi è quindi nessun genere di pericolo di rimanere senza prodotti.

 

Alcuni supermercati nelle scorse nell'attivare le misure di sicurezza avevano anche fatto un appello ai clienti come nel caso di un punto vendita ad Arco:

 

“Siamo aperti sempre,non preoccupatevi. Non svaligiate il supermercato,(perché poi vi tocca aprire un ristorante??). Cercate di venire una persona per famiglia a fare la spesa e possibilmente rispettate chi sta lavorando. Se ci sono delle semplici regole e noi ve le facciamo notare.. sbuffare ridacchiare o nn accettarle, non è il comportamento corretto da utilizzare. Se tutti nel nostro piccolo ci rispettassimo e iniziassimo a rispettare queste piccole fondamentali precauzioni forse se ne uscirebbe prima da questa situazione”.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 20 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 gennaio - 14:57
Sono stati analizzati 13.391 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 2.375 positivi e 0 decessi. Ci sono 167 persone in ospedale di [...]
Cronaca
21 gennaio - 15:29
Il presidente della Pat ha detto la sua anche sulla suddivisione dell’Italia in zone con le relative restrizioni. “Le zone colorate il loro [...]
Politica
21 gennaio - 15:06
Il Governo ha deciso quali sono i negozi e gli esercizi commerciali ai quali si potrà accedere senza il pass. Non è arrivata la deroga a quelle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato