Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, preoccupano i giovani che non rispettano le regole. Ferro: ''Attenzione, sono spesso asintomatici". L'appello: ''Fondamentale il vaccino antinfluenzale''

L'allerta rimane molto alta anche in Trentino per quanto riguarda l'andamento dei contagi. Ferro: ''Attenzione ai focolai che arrivano dall'esterno". L'invito poi a tutta la popolazione di vaccinarsi in primis al personale sanitario ma anche i bambini dai 6 mesi ai 6 anni  

Di Giuseppe Fin - 04 agosto 2020 - 05:01

TRENTO. Preoccupano gli assembramenti che si sono visti nelle ultime settimane in particolare tra i giovani. Episodi che vanno dalla festa al lago di Molveno (Qui l'articolo) senza distanziamento e senza mascherina al rave party che si è tenuto a Folgaria (Qui l'articolo) dove nulla era in regola.

 

Basta poco perché il contagio inizi nuovamente ad aumentare e a colpire le fasce più deboli. Soprattutto perché le persone più giovani positive spesso sono asintomatiche e di difficile individuazione. Un invito a fare attenzione alle norme e alla prudenza arriva da Antonio Ferro, direttore del Dipartimento prevenzione dell'Apss.

 

(Qui il video del rave party a Folgaria)

 

 

Fino ad oggi i focolai in Trentino si possono contare, fortunatamente, sulle dita di una mano. A Rovereto tra i dipendenti di una ditta di logistica, a Predazzo con il coinvolgimento della comunità kosovara e lo stesso a Pergine. Grazie all'intervento immediato dell'autorità sanitaria attraverso il contact tracing, la capacità di rintracciare tutte le persone venute in contatto con i contagiati, le tre situazioni sono state messe in poco tempo sotto controllo. Non può però mancare l'attenzione visto quanto sta accadendo anche al di fuori dei confini provinciali a partire dall'Alto Adige, dove si stanno contando diversi focolai, e al vicino Veneto dove i contagi sono in aumento.

 

Dottor Ferro, come giudica attualmente la situazione in Trentino?

Il virus sta ancora circolando anche se a livelli molto bassi nella popolazione trentina e questo può essere considerato rassicurate. Oggi l'attenzione deve essere alta e rivolta a focolai che ci arrivano dall'esterno.

 

Abbiamo visto nelle ultime settimane diversi assembramenti e situazioni dove il rispetto delle regole per il contenimento del contagio non venivano rispettate creando un pericolo per tutti.

Oggi bisogna stare molto attenti al contatto fra i giovani perché spesso non c'e distanziamento. Questo è preoccupante perché i giovani sono quasi sempre asintomatici. Stiamo cercando di fare una campagna di sensibilizzazione per queste fasce. Il distanziamento sociale, l'utilizzo delle mascherine nei luoghi chiusi sono misure che devono rimanere ben in mente nella popolazione.

 

In altre zone come il Veneto preoccupa il gran numero di asintomatici. Anche in Trentino?

C'è una preoccupazione ma è minore rispetto un mese fa in cui avevamo una percentuale di positività di tamponi elevata. Il Trentino penso sia l'unico territorio dove è stato fatto uno screening di zona, ovviamente non obbligatorio, su una quindicina di comuni. I risultati sono stati molto buoni.  E' ovvio, poi, che la percentuale di sieroprevalenza in Trentino va dal 3 al 5% è quindi c'è una una quantità di persone che può essere aggredita dal virus ancora notevolissima. Per questo è importante tenere alta l'attenzione e puntare sulla prevenzione che è l'unica arma.

 

Importante sarà anche la vaccinazione antinfluenzale.

La vaccinazione antinfluenzale è fondamentale perché sarà l'unico sistema che ci permetterà di differenziare l'influenza dal covid19. L'auspicio è che ci sia un alto livello di copertura. E' importante per gli operatori sanitari, per la popolazione pediatrica da 6 mesi a 6 anni , il personale dei servizi pubblici e ovviamente tutte le categorie a rischio.

 

In Alto Adige ci sono più focolai. Preoccupa la situazione?

Dobbiamo tenere l'allerta alta perché, tutto sommato, siamo la stessa famiglia e comunque stiamo continuando ad avere un contatto stretto tra i dipartimenti di prevenzione delle due province.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 11:49

Ieri altri due istituti superiori con positivi e anche un bimbo di un asilo. I contagi nelle ultime 24 ore sono 25 e quasi 1600 le persone che in Alto Adige si trovano in isolamento domiciliare 

28 settembre - 11:15

E' successo nelle prime ore di questa mattina, sulla strada statale 237. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Tione, la polizia delle Giudicarie e la forestale. Per la donna tanta paura ma fortunatamente nessuna ferita grave. L'auto ha subito gravi danni  

27 settembre - 20:29

Mentre il presidente della Regione Kompatscher lavora per portare la concessione dell'autostrada nelle mani solo degli enti pubblici, da parte della giunta provinciale trentina la sensazione è che si stia remando in direzione contraria. L'ex presidente Ugo Rossi: "Fugatti ostacola la comunanza di visione tra le province. Vuole fare gli interessi dei veneti. Così rischiamo di andare alla gara"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato