Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, rimane grave la situazione in Alto Adige. In 24 ore altri 13 decessi. Sono quasi 700 i nuovi contagiati

Oltre 10 mila persone si trovano in isolamento domiciliare. La situazione in Alto Adige continua a rimanere molto seria, da domani sarà avviata la campagna di test su tutta la popolazione 

Pubblicato il - 19 novembre 2020 - 11:30

BOLZANO. Prenderà il via domani mattina in Alto Adige la campagna di test rapidi su tutta la popolazione. I dati che arrivano oggi mostrano una situazione che continua ad essere grave.

 

I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 3.041 tamponi e sono stati registrati 696 nuovi casi positivi. Purtroppo quest'oggi occorre anche registrare il decesso di 13 persone (Il bilancio sale a 143 vittime in questa seconda ondata). Il rapporto contagio tamponi è del 23,12%.

 

Secondo sempre i dati forniti dall'azienda sanitaria, 335 persone si trovano ricoverate negli ospedali altoatesini e altre 39 in condizioni gravi si trovano in terapia intensiva. Oltre 10 mila le persone che si trovano in isolamento domiciliare.

 

In Alto Adige, attualmente “zona rossa” da domani fino a domenica 22 novembre, in 184 diverse postazioni e con 646 linee di test saranno effettuate le indagini rapide dell'antigene per la rilevazione del Coronavirus. Nel weekend tutti i cittadini saranno quindi chiamati a recarsi nel luogo più vicino alla propria abitazione per sottoporsi allo screening, secondo modalità diverse in base al Comune di residenza.

 

I numeri in breve:

Tamponi effettuati ieri (18 novembre): 3.041

Nuovi casi positivi: 696

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 19.388 

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 285.421 

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 141.560 (+1.198)

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 335

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 134

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 120 (107 a Colle Isarco e 13 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 39

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 438 (+13) 

Persone in isolamento domiciliare10.570 (delle quali 10 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 42.345 (delle quali 1.515 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 52.915

Persone guarite: 7.739 (+380). A queste si aggiungono 1.182 (+23) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test. Totale: 8.921 (+403) 

Collaboratori dell'Azienda sanitaria positivi al test: 858, 549 guariti (al 14.11)

Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta positivi: 32, 28 guariti (al 14.11)

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato