Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, tamponi rapidi nelle farmacie: la Pat approva il protocollo e stanzia le risorse: ''Si stima produzione di 1.200 test giornalieri''

E' stato raggiunto un accordo tra Federfarma Trento, Farmacie comunali di Trento e Società multiservizi di Rovereto con l'assessora Stefania Segnana e i vertici di Azienda provinciale per i servizi sanitari. Dopo un mese di annunci, forse il progetto pronto a partire definitivamente

Pubblicato il - 04 novembre 2020 - 13:43

TRENTO. E' stato approvato il protocollo sperimentale per l'esecuzione dei test rapidi antigenici nelle farmacie trentine e l'amministrazione provinciale mette a disposizione 1,2 milioni di euro per il bimestre novembre/dicembre. 

 

E' stato raggiunto un accordo tra Federfarma Trento, Farmacie comunali di Trento e Società multiservizi di Rovereto con l'assessora Stefania Segnana e i vertici di Azienda provinciale per i servizi sanitari. Un progetto ormai "annunciato" più volte: questa ipotesi è stata delineata già a fine settembre e inizio ottobre e rilanciata nel corso del tempo. Un modo di agire di piazza Dante che ha messo in difficoltà anche i farmacisti che hanno ricevuto numerose richieste per effettuare i test antigenici (Qui articolo). 

 

Un iter che richiede anche un certo grado di organizzazione per quanto riguarda gli spazi all'interno o all'esterno delle farmacie (Qui articolo). Un altro nodo riguarda invece la carenza di infermieri e c'è l'ipotesi di formare direttamente i farmacisti per somministrare i test rapidi. Adesso le idee sembrano più chiare e dopo oltre un mese di annunci, forse il progetto è pronto a partire, un piano importante a livello di prevenzione.

 

L'esito del test rapido dovrebbe essere poi confermato dal tampone molecolare e per questo la Pat ha smesso di fornire questo dato ma le regole dovrebbero venire cambiate nelle prossime ore (Qui articolo). "Nel dettaglio - si legge nella nota della Pat - si stima una produzione complessiva giornaliera di 1.200 test rapidi da parte delle farmacie con un compenso concordato di 18 euro per le farmacie rurali e di 15 euro per tutte le altre".

 

Dopo la prescrizione da parte del medico di medicina generale o pediatra di libera scelta (con ricetta dematerializzata), l'esecuzione dell'esame viene prenotata sul sito dell'Apss (Qui info) o tramite la App TreC_FSE.

 

"L'obiettivo - spiega Segnana - è quello di potenziare l'azione di risposta diagnostica nella stagione autunnale e invernale, con particolare attenzione per il comparto scolastico. La sperimentazione rientra in quanto previsto dal Piano di potenziamento e riorganizzazione delle rete assistenziale e territoriale della Provincia, approvato a settembre, per la diagnosi, il monitoraggio e la sorveglianza della circolazione del virus".

 

In base al Protocollo, l'Azienda sanitaria dovrà provvedere alla formazione riguardante la manovra di esecuzione del tampone e alla fornitura dei kit di processazione rapida del test antigenico.

Ciascuna farmacia avrà invece il compito di garantire che i tamponi vengano eseguiti in luogo aperto adiacente alla farmacia oppure all'interno della farmacia, ma con orari e spazi dedicati che consentano la separazione dal resto della clientela e le procedure di sanificazione e aerazione. Tutto il processo dovrà svolgersi nel rispetto delle linee guida tecnico-sanitarie impartite dalla Giunta provinciale. Apss curerà la vigilanza e il controllo di tutte le fasi procedimentali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 16:19

La risposta di piazza Dante a istituire una commissione d'indagine potrebbe arrivare tra una settimana, le minoranze attendono un'informativa dalla Provincia per un aggiornamento dell'emergenza Covid-19. In questa sede la Giunta Fugatti si dovrebbe pronunciare sulla volontà di acconsentire a procedere in questo senso

26 gennaio - 16:18

Un uomo di 38 anni, residente in un'abitazione di fortuna, è stato trovato in gravissime condizioni in un piazzale di Arzignano. Riverso a terra, è stato trasportato d'urgenza in ospedale, dove purtroppo, vista la gravità delle ferite, non ce l'ha fatta. Si indaga sui responsabili

26 gennaio - 15:08

Le minoranze proprio questo pomeriggio hanno presentato una mozione per chiedere la creazione di una commissione d'indagine per verificare il tasso di effettiva diffusione del virus Covid-19 sul territorio Trentino, le modalità del suo monitoraggio e le azioni adottate per la sua gestione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato