Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, un contagiato a Tione. Ville di Fiemme si porta a 38 casi da inizio epidemia. Ci sono altri 4 guariti a Rovereto, 2 a Riva e Levico

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

Pubblicato il - 01 giugno 2020 - 19:46

TRENTO. Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi (Qui articolo).

 

Una giornata contrassegnata dalle nuove disposizioni del presidente Maurizio Fugatti per quanto riguarda la riapertura di nidi e scuole dell'infanzia,  supermercati chiusi ancora le domeniche e i festivi fino al 14 giugno e obbligo di mascherina anche all'esterno. Sono due le ordinanze firmate in queste ore e sono tanti i temi toccati dai due documenti compresa la possibilità di poter tornare a circolare all'interno della regione, di fatto, liberamente (Qui articolo).

 

Un aggiornamento della situazione epidemiologia sul territorio provinciale con l'intervento di Antonio Ferro, direttore del Dipartimento prevenzione, per spiegare che in Trentino ci sono dai 1000 ai 1500 ancora positivi asintomatici". Sul virus: ''Non ha perso forza, occorre fare attenzione'' (Qui articolo).

 

Non sono stati registrati decessi nelle ultime 24 ore, il quinto giorno consecutivo senza morti legati a Covid-19. A Trento sono state 47 le vittime da inizio epidemia, 34 a Pergine Arco, 31 a Rovereto, 30 a Ledro. Sono 20 i morti a Predazzo, 16 a Dro Riva del Garda, 15 a Mezzolombardo e 13 a Cavedine Pieve di Bono-Prezzo, 12 a Pellizzano, 11 a Lavis, 10 a Borgo Chiese Nomi.

 

Ci sono 3 nuovi positivi, 2 con sintomi manifestati negli ultimi 5 giorni, 1 minorenne. I nuovi contagi sono stati registrati a Tione che si porta a 68 casi da inizio epidemia, Ville di Fiemme che si attesta a 38 casi e Bondone che raggiunge i 10 casi.

 

Sono invece 4 i guariti a Rovereto e 2 a Riva del Garda e Levico. Un guarito a Bondone, Trento e Arco, Borgo Chiese, Storo e Lavis, Sella Giudicarie, Comano, Roncegno, Caderzone, Grigno e Samone

 

Tassi di contagio. Sono 5 i Comuni già attenzionati per l'alto numero di casi in rapporto alla popolazione che nelle scorse settimane hanno effettuato i test sierologiciVermiglio (4,2%), Canazei (5%) e Campitello di Fassa (6,2%), Borgo Chiese (6,5%) e Pieve di Bono-Prezzo al 6,9%. Un'altra operazione simile è prevista in altri 17 territori (Qui articolo).

 

Numeri alti anche a Pellizzano (7,7%), Bleggio Superiore (5,1%), Mazzin (3,4%), Ledro (3,3%), Canal San Bovo (3%), Valdaone (2,8%), Predazzo Storo (2,7%), Nomi, Spiazzo e Cavedago (2,6%), San Giovanni (2,5%), Sella Giudicarie (2,4%), PinzoloGiustino e Caderzone (2,3%), Castello-Molina di FiemmeDrena Soraga (2,2%), Cavedine Arco (2,1%), Cavalese (2%). Il tasso a livello provinciale è di 1%. A Trento si registra 0,57%, Rovereto a 0,53%, Riva del Garda a 0,96% e Pergine a 1,2%.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 19:55

Una sorta di sconto che lo Stato italiano fornisce a chi decide di soggiornare presso una struttura ricettiva italiana. Tra i trentini che hanno colto l'occasione anche Stefano Grassi: "In poco tempo arriva un codice che si dovrà poi mostrare all'albergatore per ottenere lo sconto"

04 luglio - 19:47

Il candidato sindaco è pronto a guastare la festa sia “alla coalizione arcobaleno” che alla “disaggregazione di destra”. Carli vuole plasmare una Trento sul modello delle grandi metropoli europee: “C’è bisogno di una leadership forte ed inclusiva, il Centrosinistra ha tenuto ferma la città per una generazione ora è tempo di riprendere in mano tutti i progetti rimasti incompiuti”

04 luglio - 13:26

Gli animalisti insorgono contro l’ordinanza di abbattimento: “JJ4 potrebbe essere accompagnata dai suoi cuccioli, Fugatti deponga subito i fucili, non accetteremo l’uccisione di un’altra orsa senza che siano state accertate le cause che hanno determinato lo scontro con le persone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato