Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, una ditta mette a disposizione un sanificatore e dona 1.000 guanti monouso alla Rsa di Pergine. Il sindaco: ''La comunità è unita''

Il primo cittadino lancia un appello Oss Emer. "Anche oggi sono diverse le segnalazioni di gruppi di ragazzi che si incontrano. Comprendiamo le difficoltà nel rispettare queste restrizioni, ma il momento è grave e servono sforzi per fermare il contagio. Per questo chiedo maggiore responsabilità ai giovani, ma anche ai genitori che sono chiamati a sorvegliare i figli"

Di Luca Andreazza - 22 marzo 2020 - 19:53

PERGINE. "E' un bel segnale l'unità della cittadinanza e la collaborazione della popolazione", queste le parole di Roberto Oss Emer, sindaco di Pergine: "La ditta Puliclean ha messo a disposizione gratuitamente della Rsa un apparecchio sanificatore a ozono e donato 1.000 guanti monouso. Questo contribuisce a migliorare la situazione anche degli operatori sempre esposti".

 

In Trentino ci sono 1.480 contagi per il coronavirus, ci sono 50 guariti mentre il numero delle vittime salgono a 35 a causa di Covid-19. Sono in totale 66 i morti per la pandemia in Trentino Alto Adige (Qui articolo). Le incidenze maggiori per la diffusione del coronavirus sono nelle zone a maggior vocazione turistica e nelle Rsa, queste ultime sempre più attenzionate e monitorate, come evidenziano i numeri nelle case di riposo a Ledro e proprio Pergine (Qui articolo), tanto che Giancarlo Ruscitti, dirigente generale del Dipartimento salute e politiche sociali ha spiegato che “nelle Rsa combattiamo la battaglia più importante" (Qui articolo).

 

"Il problema alla casa di risposta è il personale. Nessun ospite è in gravi condizioni in questo momento - aggiunge il sindaco - altrimenti sarebbe stato trasferito in ospedale. La situazione viene costantemente monitorata, ma abbiamo 30-40 persone a casa per vari motivi e c'è una grossa carenza di organico. Organizziamo l'assistenza per gli ospiti, ma i turni massacranti da 10-12 ore. La comunità però è vicina alla Rsa e agli operatori tutti, Trentino emergenza, croce rossa, vigili del fuoco e forze dell'ordine. Una comunità unita che è un bel segnale".

 

Il primo cittadino lancia un appello. "C'è ancora poca consapevolezza - conclude Oss Emer - soprattutto da parte dei giovani, spesso minorenni. Anche oggi sono diverse le segnalazioni di gruppi di ragazzi che si incontrano. Comprendiamo le difficoltà nel rispettare queste restrizioni, ma il momento è grave e servono sforzi per fermare il contagio. Per questo chiedo maggiore responsabilità ai giovani, ma anche ai genitori che sono chiamati a sorvegliare i figli. Serve l'aiuto di tutti, un modo per rispettare per l'impegno dei sanitari a tutti i livelli".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato