Contenuto sponsorizzato

Cronavirus, con coprifuoco e regioni ''rosse, arancioni e gialle'' torna l'Autocertificazione: ecco il modulo e quando lo si deve usare

Il documento servirà per ''autocertificare'' le ragioni dello spostamento nell'orario del coprifuoco tra le 22 e le 5 del mattino ammesso solo per ragioni di salute, lavoro o emergenza

Di L.P. - 04 November 2020 - 18:01

TRENTO. Mentre ancora non si sa chi è zona rossa, chi arancione e chi gialla, ma quel che si sa è che è scomparsa la fascia ''verde'' perché nessuno, in nessuna parte del Paese, può dire che il proprio territorio sta vivendo una buona situazione dal punto di vista epidemiologico, quel che è certo è che per tutti torna l'uso dell'autocertificazione.

 

Dalle 22 di domani, infatti, in tutto il Paese scatta il coprifuoco fino alle 5 del mattino e dunque il documento servirà a giustificare i propri spostamenti ammessi solo e soltanto per motivi di lavoro, di salute o di emergenza. Il documento, inoltre, dovrà essere utilizzato anche qualora, per esempio, da una regione gialla si decida di recarsi in un'altra regione gialla transitando in una arancione o rossa. Anche in quel caso la possibilità di passaggio (senza possibilità di fermarsi) è ammessa ma solo per esigenze lavorative, di salute o di emergenza

 

 

 

Il modulo è disponibile sul sito del Viminale. Si tratta di un modello standard - che avranno a disposizione tutte le pattuglie delle forze di polizia - dove i cittadini dovranno, appunto, autocertificare i motivi del loro spostamento. A quel punto, come nella prima ondata, quando c'era il lockdown, spetterà alle forze dell'ordine compiere la verifica su quanto verrà autocertificato e in caso di dichiarazione falsa scatteranno sanzioni e conseguenze legali. Per chi non riuscirà, invece, nemmeno a indicare un motivo valido da inserire nell’autocertificazione scatterà la denuncia immediata.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 gennaio - 05:01
L'Ordine delle professioni infermieristiche ha scritto  all’assessora Stefania Segnana per esplicitare nuovamente la forte [...]
Cronaca
28 gennaio - 08:25
La vicenda ha riguardato un uomo trentino di 53 anni che era finito in carcere ad inizio 2019 fino a quasi la fine del 2020
Ambiente
27 gennaio - 20:20
L'Alto Adige combatte l'infestazione da bostrico. L'Università di Bolzano e Eurac Research hanno presentato un progetto di ricerca che la [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato