Contenuto sponsorizzato

Emergenza coronavirus, l'Italia supera la Cina per numero di morti. Nel nostro Paese 300 bambini positivi

Sono complessivamente 33.190 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a mercoledì di 4.480 casi

Pubblicato il - 19 marzo 2020 - 19:02

TRENTO. Continuano ad essere drammatici i numeri di contagi da coronavirus nel nostro Paese. Sono complessivamente 33.190 i malati in Italia, con un incremento rispetto a mercoledì di 4.480.

 

A fornire i dati è stato questo pomeriggio il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione Civile. Il numero complessivo dei contagiati, comprese le vittime e i guariti, ha raggiunto i 41.035.

 

Oggi il numero di vittime in Italia ha superato quelle complessive della Cina. Nel nostro Paese, infatti, sono 3.405 i morti, con un incremento rispetto a mercoledì di 427.  Secondo i dati forniti dalla Cina, invece, le vittime registrate finora sono 3.245.

 

Il coronavirus non colpisce solo gli anziani. Ad oggi in Italia, infatti, ci sono 300 bambini risultati positivi. Fortunatamente, però, "non ci sono vittime né casi gravi". A riferirlo durante la conferenza della Protezione civile è stato il presidente della Società italiana pediatria Alberto Villani.

 

"Questo - ha aggiunto - deve rasserenare moltissimo genitori e nonni, devono sapere che non è un problema pediatrico, quando ci sono sintomi va interpellato il pediatra e con lui stabilire il da farsi". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato