Contenuto sponsorizzato

Indennità ai tecnici della sanità, la Cgil: ''Facciamo causa all'Apss che impose la pronta disponibilità e ora non paga il dovuto''

Tutto risale al 17 marzo quando, in piena prima ondata Covid, una lettera del Direttore generale dell’Azienda sanitaria avvisava che il personale tecnico sarebbe stato collocato in pronta disponibilità 24 ore su 24. Colle: ''L’indennità ammonta a circa 35 euro ogni 12 ore di disponibilità. Se poi si viene chiamati in servizio si espongono le ore di straordinario, se invece non si viene chiamati si viene comunque indennizzati. Invece si calpesta il contratto collettivo''. Interrogazione di Degasperi in consiglio 

Di L.P. - 09 novembre 2020 - 17:05

TRENTO. ''Saremo costretti ad andare in causa. È davvero un peccato che l’Azienda sanitaria sia stata sorda quando abbiamo manifestato le prime perplessità, che non abbia risposto alla lettera, che non abbia accettato il tentativo di conciliazione. Prima o poi i lavoratori avranno i loro soldi: sarà il giudice a obbligare l’Apss al rispetto di quanto scritto sul contratto. Ma questo non è il modo giusto per lavorare e non è il modo corretto di confrontarsi''.  Questa è Gianna Colle della Cgil funzione pubblica che annuncia un'azione legale contro l'Apss per tutelare i tecnici del settore sanitario.

 

Tutto risale al 17 marzo quando, in piena prima ondata di Covid, una lettera del Direttore generale dell’Azienda sanitaria avvisava che il personale tecnico sarebbe stato collocato in pronta disponibilità 24 ore su 24.  ''In pratica - spiega il sindacato -: si resta sempre reperibili, per intervenire su qualunque necessità possa manifestarsi nelle strutture. La lettera faceva riferimento alla pandemia ed era rivolta al personale tecnico del Dipartimento Infrastrutture, di ogni livello e qualifica professionale. Normalmente questo tipo di disponibilità è previsto, ma per periodi limitati e con una turnazione ed è chiaro che la “pronta disponibilità” è normata dal contratto collettivo, che prevede un’indennità''.

 

''Già in quell’occasione abbiamo ammonito l’Azienda sanitaria - prosegue la Cgil Fp -: ruolo del sindacato è anche vigilare su queste cose e l’invito è stato alla cautela: l’indennità ammonta a circa 35 euro ogni 12 ore di disponibilità. Se poi si viene chiamati in servizio si espongono le ore di straordinario, se invece non si viene chiamati si viene comunque indennizzati. Chi è reperibile non può allontanarsi troppo dal luogo di lavoro, non può fare ferie o prendere altri impegni personali''.

 

Ma a maggio è arrivata una nuova lettera in cui, sostanzialmente, spiega sempre il sindacato, l’Azienza sanitaria invita i dipendenti a comunicare solo le ore di servizio svolto, ''dunque - aggiunge la Cgil Fp - si calpesta il contratto collettivo. L’Azienda deve essersi finalmente accorta del tipo di esborso e ha tentato di cancellare il proprio errore. Abbiamo dunque scritto all’Azienda stessa manifestando il fatto che questo, semplicemente, non si può fare. Non avendo avuto risposta, abbiamo scritto al servizio lavoro della Provincia richiedendo la convocazione della commissione di conciliazione. Ma l’Azienda sanitaria non ha accettato e dunque il Servizio lavoro ci ha comunicato che la nostra richiesta è archiviata''.

 

E ora? ''Saremo costretti ad andare in causa. È davvero un peccato che l’Azienda sanitaria sia stata sorda quando abbiamo manifestato le prime perplessità, che non abbia risposto alla lettera, che non abbia accettato il tentativo di conciliazione. Prima o poi i lavoratori avranno i loro soldi: sarà il giudice a obbligare l’Apss al rispetto di quanto scritto sul contratto. Ma questo non è il modo giusto per lavorare e non è il modo corretto di confrontarsi''.

 

E proprio sull'argomento è stata depositata in queste ore un'interrogazione in Aula dal consigliere provinciale Filippo Degasperi che ha chiesto al presidente Fugatti di sapere ''le motivazioni del mancato pagamento della pronta disponibilità rispetto a quanto previsto dal contratto del personale tecnico dell’Apss'' e ''se non ritenga opportuno avviare un confronto con i sindacati affinché sia concessa al personale tecnico la corretta retribuzione per la pronta disponibilità offerta''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

21 gennaio - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato