Contenuto sponsorizzato

Le FOTO. Coronavirus, nonostante le restrizioni c’è chi sfida la quarantena sciare?

In questi giorni stanno arrivando numerose segnalazioni circa la presenza di alcuni irriducibili che, in barba alle restrizioni, continuerebbero ad andare a sciare

Pubblicato il - 05 aprile 2020 - 19:22

TRENTO. Le segnalazioni ci sono arrivate sia da appassionati di sci che da alcuni residenti che, come la stragrande maggioranza delle persone, stanno osservando le restrizioni imposte per limitare la diffusione dei contagi da coronavirus. Eppure, dalle testimonianze raccolte anche con delle fotografie ci sarebbero alcuni irriducibili che, in barba alle restrizioni, continuerebbero ad andare a sciare.

 

Ad esempio osservando le webcam delle varie stazioni sciistiche si nota che anche in questi giorni c’è ancora un certo movimento. Se da un lato potrebbe trattarsi di persone che si stanno spostando per lavoro dall’altro i dubbi rimangono.

 

 

Ovviamente gli impianti sono chiusi in alcuni casi però potrebbero rendersi necessari degli interventi di manutenzione, più o meno urgenti, ed ecco spiegati almeno parte dei movimenti. Altre situazioni però non sembrano lasciare spazio a dubbi, in alcune fotografie si vedono chiaramente i segni di una discesa, forse uno sciatore o uno snowbordista, la cosa più sconcertante è il fatto che la persona in questione (forse due) si sarebbe persino avventurata fuori pista.

 

 

Dalle immagini si vedono i segni della discesa, avvenuta tra ieri e oggi, partendo da Cima Litegosa sopra l’abitato di Panchià. Come se non bastasse in questi casi ci sarebbe persino il pericolo di provocare il distacco di una valanga che costringerebbe il soccorso alpino ad intervenire, esponendo sciatore e soccorritori, anche al rischio di contagio per un intervento che si sarebbe potuto evitare.

 

 

Movimenti sono stati registrati anche nella zona di Passo Tonale, in questo caso il primo aprile una persona è stata ripresa dalle webcam che puntano sulle piste del Tonale Occidentale mentre stava risalendo la montagna. Nella stessa zona, sempre l’1 aprile una persona è stata filmata dalle webcam mentre passa affianco alla strada, anche se in questo caso potrebbe trattarsi di una persona che abita nelle vicinanze o che ha una valida ragione per muoversi. Il giorno seguente, la zona è la stessa, qualcuno è passato ai piedi della pista con il proprio mezzo di trasporto. Insomma del movimento è evidente che ci sia.

 

 

Situazioni simili possono essere riscontrate su altre piste da sci, ad esempio nella zona di Pozza di Fassa, località Col de Valvacin, nelle immediate vicinanze della stazione a Monte alle ore 12 del primo aprile non ci sono tracce ma già alle 13 viene registrato un passaggio, alle 10 del giorno successivo le tracce sono molte e procedono in tutte le direzioni.

 

Queste foto dimostrano come, nonostante da settimane siano in vigore le restrizioni per limitare i movimenti, ci siano alcune persone che continuano a spostarsi. In altri casi c’è addirittura chi pensa a divertirsi, dimenticando però che in questo modo mette in pericolo sé stesso e potenzialmente anche altre persone.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 11:48

I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.532 tamponi molecolari e registrati 107 nuovi casi. Si aggiungono 111 test antigenici positivi

06 marzo - 11:11

I blocchi E - F dello studentato sono stati chiusi, l'Ufficio Mediazione dell'Opera Universitaria: ''Vi preghiamo di non uscire dalla vostra stanza per alcun motivo''. Sono in corso le verifiche sull'origine del contagio che potrebbe essere partito da una festa, il direttore Fontana: ''Se  fosse confermata la festa non autorizzata siamo pronti a sanzionare e anche ad arrivare alle espulsioni''

06 marzo - 10:43

Cambiano le regole della zona arancione trentina, via libera agli spostamenti fino a 30 chilometri anche per i Comuni che non superano i 6.000 abitanti. La Pat: Poco rilevante un eventuale impatto negativo sul fronte epidemiologico, a fronte di un notevole miglioramento della vivibilità”. Ecco per quali amministrazioni vale la nuova ordinanza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato