Contenuto sponsorizzato

Riapre domani il mercato del giovedì sotto la sorveglianza di alpini e polizia

Anva e Confesercenti hanno cercato un dialogo per riaprire il mercato del giovedì allargandolo anche alla vendita di prodotti non alimentari ed è stato trovato un compromesso. Banchi su via Verdi e sorveglianza di polizia e alpini

Di Mattia Sartori - 09 December 2020 - 15:22

TRENTO. Lunedì 7 dicembre si è tenuto un incontro tra il sindaco Franco Ianeselli, il vicesindaco Roberto Stanchina e i rappresentanti di Anva (Associazione nazionale venditori ambulanti) e Confesercenti. L’obiettivo era trovare un accordo che permettesse di riaprire il mercato del giovedì in sicurezza, allargandolo anche ai venditori di merci non alimentari e a quanto pare è stato raggiunto un compromesso.

 

I provvedimenti adottati, oltre alle fondamentali norme di sicurezza come utilizzo delle mascherine e rispetto del distanziamento, prevedono una diversa disposizione dei banchi. Questa nuova disposizione vedrà ricollocare parte dei venditori su via Verdi, in modo da evitare pericolosi assembramenti nelle vie del centro.

 

La sorveglianza verrà gestita dalla polizia locale, accompagnata e rinforzata dagli alpini, garantendo così il controllo dell’intera area e il rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid. Inoltre i rappresentanti di categoria si sono impegnati, a nome dei propri iscritti, a collaborare al massimo per permettere il corretto svolgimento del mercato.

 

L’ordinanza prevede la riapertura del mercato a partire da domani, giovedì 10 dicembre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 January - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 January - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato