Contenuto sponsorizzato

Un'altra scuola di medicina in Alto Adige? Sindacati e Zeni: ''Frutto dell'agire solitario di Fugatti che guarda solo all’area veneto-lombarda''

Per il consigliere provinciale: "E’ certamente facoltà di Bolzano  agire come meglio ritiene, ma questo è anche il frutto del distacco voluto da Trento e del suo costante avvicinamento all’area veneto-lombarda a scapito dei rapporti storici con l’area tirolese in generale"

Pubblicato il - 30 gennaio 2020 - 18:34

TRENTO. Un maggiore rapporto con Bolzano e una maggiore valorizzazione del progetto Euregio. Questo quello che chiedono i sindacati da un lato e l'ex assessore alla Salute e oggi consigliere provinciale Luca Zeni dopo la notizia che la Provincia di Bolzano sarebbe pronta a far partire una facoltà di medicina in Alto Adige. Questo dopo aver avuto l'ok del ministero e stipulato un accordo con la Cattolica di Milano ma soprattutto con l'Università di Innsbruck e Salisburgo. L'obiettivo è quello di preparare medici bilingue.

 

Un impegno questo ben diverso da quello portato avanti dalla Giunta leghista di Maurizio Fugatti. Se il Trentino, infatti, sta spostando l'asse provinciale verso il Veneto, dall'altro Bolzano, invece, continua a guardare anche all'Euregio, al mondo tedesco e austriaco. Due modi di governo che, secondo i sindacati, stanno portato in serie difficoltà l'autonomia.

 

“Politiche per la salute, Università e Ricerca dovrebbero rappresentare grandi temi di convergenza e collaborazione tra le provincie di Trento e Bolzano. Sembra al contrario che ci si muova in direzione opposta, per un verso la giunta Fugatti ha scelto di andare in solitaria o di guardare con maggiore attenzione al vicino Veneto, Kompatscher invece si rivolge al Tirolo e a Milano. Queste strategie, purtroppo, invece di rafforzare la nostra Autonomia, ne rappresentano una sconfitta” spiegano i segretari di Cgil Cisl Uil, Manuela Faggioni, Michele Bezzi e Walter Alotti.

 

“Al di là dei molti dubbi che suscita l’idea di creare per ogni piccolo territorio la propria facoltà di medicina – spiegano i sindacalisti - ipotesi che richiede molte risorse e che non dà risposte almeno nell’immediato al fabbisogno di medici nelle strutture ospedaliere locali, è legittimo chiedersi se queste scelte non pongano serie ipoteche anche sulla qualità dell’offerta formativa che verrà realizzata”.

Dal punto di vista di Cgil Cisl Uil avrebbe, invece, senso ricercare la collaborazione fra il Trentino e l’Alto Adige anche in coerenza con gli impegni assunti  dai Governatori delle due  Province nell’obiettivo di rafforzare su tematiche strategiche il ruolo dell’Euregio. “Restiamo dell’idea – continuano - che un’offerta formativa di qualità, anche in ambito medico, si possa e si debba realizzare cercando collaborazioni che valorizzino le competenze presenti sui nostri territori ed in quello dell’Euregio”.

A parlare di Sanità come “termomento dell'autonomia” è invece il consigliere provinciale Luca Zeni. “E’ certamente facoltà di Bolzano – spiega Zeni - agire come meglio ritiene, ma questo è anche il frutto del distacco voluto da Trento e del suo costante avvicinamento all’area veneto-lombarda a scapito dei rapporti storici con l’area tirolese in generale”.

 

Un modo di fare, spiega il consigliere, che va ad impattare negativamente sulla nostra autonomia. “Così la si indebolisce sempre più – spiega - e viene spinta ai margini dello sviluppo, mentre Bolzano si allea con il sistema tedesco ed austriaco posizionando la propria Sanità in una sfera disgiunta da quella trentina e quindi opposta al progetto di regionalizzazione della Sanità fin qui perseguito anche negli ambiti dell’Euregio”.

 

A fronte di ciò, il Consigliere del Partito Democratico del Trentino, Luca Zeni, ha presentato una mozione in Consiglio provinciale per impegnare la Giunta trentina a “sviluppare ulteriori ed immediate collaborazioni con la Provincia di Bolzano sia in termini politici che tecnici ed anche coinvolgendo l’Università e le due Aziende Sanitarie provinciali proprio con lo scopo di ricostruire il sistema sanitario regionale e per evitare la ridicola sovrapposizione di due facoltà di Medicina nell’arco di pochi chilometri”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato