Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Benetollo: ''Tutte le fiale di vaccino che stanno arrivando in queste settimane saranno usate per Rsa e sanitari''

L'Azienda sanitaria sta studiando le strategie da utilizzare nelle prossime settimane per la vaccinazione delle altre categorie. Tra le ipotesi l'utilizzo dei drive-thru per l'antiinfluenzale ​

Di GF - 04 January 2021 - 18:50

TRENTO. Con una percentuale del 55,6% delle vaccinazioni, rispetto alle dosi consegnate, il Trentino continua ad essere primo in Italia per questa importante campagna vaccinale. A confermarlo è stata l'assessora alla Salute, Stefania Segnana, specificando che fino ad oggi sono stati vaccinati 878 ospiti di Rsa e 2042 sanitari presenti su tutto il territorio. I dati, ovviamente, sono in continuo aggiornamento. 

 

“Siamo riusciti ad arrivare a 2920 somministrazioni – ha spiegato Segnana – ed è un risultato importante per il Trentino. Stiamo cercando di dare tutti il meglio”.

 

Nella giornata di ieri sono proseguite le vaccinazioni per circa 270 operatori sanitari che oltre a vaccinarsi sono impegnati anche ad aiutare i cittadini. “Al momento – ha spiegato l'assessora Segnana - non sono state registrate reazioni che possano destare preoccupazione”.

Per quanto riguarda la vaccinazione in Trentino, rispetto alle 4975 dosi consegnate fino ad oggi, vede la prevalenza delle persone in fascia d'età dai 50 ai 59 anni.  

 

In queste settimane la vaccinazione ha come priorità il personale delle Rsa e dei sanitari che prestano assistenza ai malati nelle diverse situazioni. Una disposizione, questa, data a livello nazionale. Successivamente saranno coinvolte, un po' alla volta, le altre categorie.

 

“L'impegno di queste settimane – ha spiegato il direttore dell'Apss Pier Paolo Benetollo - porterà all'impiego di tutte le fiale di vaccino che stanno arrivando e abbiamo ancora un po' di tempo per capire, anche dalle indicazioni che ci arriveranno dal nazionale, l'organizzazione delle fasce successive”.

 

Detto questo, però, l'Azienda sanitaria si sta già organizzando attraverso delle procedure ad hoc per riuscire a raggiungere tutta la popolazione. “Ovviamente non sarà uguale per tutti ma ci potrà essere un sistema come quello dei drive-thru per l'antiinfluenzale oppure altri modo specifici per categorie. L'impegno è quello di non sprecare nessuna dose del vaccino”.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 settembre - 23:11
L'uomo è stato trovato ormai senza vita dai soccorritori dopo l'allarme lanciato dai familiari per un mancato rientro a casa. L'incidente è [...]
Cronaca
23 settembre - 19:36
Trovati 36 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 18 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Cronaca
23 settembre - 19:02
Un minuto dopo il decollo da Folgaria si è verificato un guasto meccanico che ha determinato il distacco del portellone laterale destro. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato